Connect with us

Tempi Nuovi

Guglielmo Giannini, uomo qualunque

Società

Guglielmo Giannini, uomo qualunque

Dolori privati, opere e impegno politico convergono, in tutta la loro complessità, nella vita di Guglielmo Giannini, uomo che attraversa buona parte del ‘900 mettendo a fuoco le linee guida del cosiddetto qualunquismo, antenato del populismo tanto caro all’attuale M5S. Nato a Pozzuoli nel 1891 da una famiglia di media borghesia, Giannini volta da subito le spalle ad un sicuro avvenire da professionista per addentrarsi nella carriera ben più altalenante del giornalista e drammaturgo (e persino autore di canzoni) con brevi incursioni nella vita militare come volontario. Appartiene a quella generazione “maledetta” che vede scorrere innanzi a sé le due guerre mondiali, una da giovane e una da uomo maturo e, con al centro, l’affermazione del partito fascista.  A quel continuo altalenarsi di problemi, difficoltà e dolore delle classi meno agiate, Giannini non riesce a rimanere insensibile e tenta, a suo modo, di dargli voce (la morte del figlio in guerra, poi, lo rende ancora più determinato). Fonda il settimanale “L’uomo qualunque” e, dopo poco tempo, sulla scia del suo successo, il movimento politico “Fronte dell’uomo qualunque”. Da lì il passo al vero e proprio partito politico è breve, e Giannini, con una percentuale di voti (poco più del 5%) di tutto rispetto per un neo-partito, entra nella Assemblea Costituente nel 1946 con ben 30 deputati (quasi tutti monarchici e conservatori) al grido di “non rompeteci più le scatole” rivolto all’intera classe politica. Il suo programma politico è di una semplicità disarmante e fare leva sui bisogni di una popolazione afflitta e decimata rende estremamente facile fare proseliti, in particolare nelle aree meridionali del Paese dove le Guerre hanno peggiorato condizioni di vita già critiche. Giannini ritiene che buona parte della popolazione è asservita alle smanie di potere di pochi e dunque sfruttata a loro piacimento. E’ necessario liberarsene al più presto e lasciare le redini della gestione amministrativa a semplici contabili da cambiare ogni anno:

Io sono quello che vedendo vilipendere i decorati al valore dissi che era una porcheria.
Io sono quello che quando assassinarono Matteotti dissi: – Questa è un’infamia.
Io sono quello che quando vidi la speculazione sull’assassinio di Matteotti dissi: – Adesso si esagera.
Io sono quello che quando Mussolini fece il discorso di Pesaro dissi: – Ma perché si occupa di finanze se non ne capisce?
Io sono quello che quando fu fatto il Concordato con il Vaticano dissi: – Bè, meno male, ci siamo levata questa spina dal cuore.
Io sono quello che, quando fu proclamato l’impero, dissi: – Bè, meno male, è finita e possiamo metterci a lavorare.
Io sono quello che, quando cominciò la guerra in Spagna, dissi: – Oh! Dio Santo!
Io sono quello che quando Galeazzo Ciano fece il discorso sulle naturali aspirazioni contro la Francia, dissi: – Ma insomma, la finiamo o non la finiamo?
Io sono quello che al 18 giugno del 1940, convinto di avere dodici milioni di baionette, la flotta sottomarina più potente del mondo, l’aviazione capace di oscurare il sole, dissi: – Bè, ormai ci siamo, sbrighiamoci, sistemiamo il mondo e mettiamoci a lavorare.
Io sono quello che, pochi giorni dopo, quando la battaglia delle Alpi dimostrò che non avevamo nemmeno le scarpe da montagna per i soldati, dissi: – Ma cosa fa il re?
Io sono quello che quando cominciò la guerra contro la Grecia, dissi: – Oh! Madonna mia!
Io sono quello che da quel momento continuai a dire: – Ma cosa fa il re? Ma come Badoglio ha permesso questo? Ma che fanno i principi, i collari dell’Annunziata, il Senato?
Io sono quello che la notte del 4 giugno 1944 [il giorno della liberazione di Roma da parte degli Alleati, NdR], uscii di casa, infischiandomene del coprifuoco, impazzendo di entusiasmo.
Io sono quello che un mese dopo dissi. – Qui non si fa che perder tempo e l’inverno si avvicina.
Io sono quello che incontrando l’ex gerarca, dissi: – Come, lei fa l’epuratore?
Io sono quello che ha detto. – Questi sono metodi e sistemi fascisti.
Io sono quello che ha venduto tutto per comprare il poco che ha potuto.
Io sono quello che non crede più a niente e a nessuno.
Io sono l’Uomo Qualunque.

Come è facile intuire, gli argomenti proposti da Giannini vengono accolti con grande diffidenza dal mondo politico che pure è molto attento ai bisogni delle classi sociali in difficoltà. L’intero arco parlamentare gli volta le spalle a cominciare dal suo illustre conterraneo, Benedetto Croce con il quale Giannini condivide idee liberiste. Croce liquida l’esperienza del Fronte come un tentativo di ridurre ai minimi termini problemi che vanno trattati con la dovuta attenzione e contestualizzati in una politica europea ed internazionale. La Democrazia Cristiana e il Partito Comunista, da par loro, lo mettono in un angolo esattamente per gli stessi motivi varando in quegli anni la Riforma Agraria. Con il passare del tempo la parabola politica del Fronte dell’uomo qualunque si dissolve non senza, però, aprire un varco a chi, qualche decennio dopo, mette in campo esattamente gli stessi argomenti e con le stesse modalità. Giannini muore nel 1960.

Si può considerare Giannini un protagonista dimenticato dalla Storia??? Qual è stata la sua eredità??? Spunti di riflessione ce ne sono molti se si esce dalla banalità delle etichette tanto in voga nell’attuale era social (che probabilmente gli sarebbe stata pure congeniale).

E’ innegabile che Giannini, con grande capacità comunicativa, sia riuscito a disegnare i tratti essenziali di un’epoca senza tuttavia definirne quelli distintivi. Il tentativo di elevare di rango il malumore e malcontento della popolazione attribuendogli la dovuta importanza ha una sua ragion d’essere. Tuttavia la parte costruens, vale a dire il progetto politico che prova a costruirgli intorno, dimostra tutta la sua debolezza e, forse, anche una buona dose di limite intellettuale al punto da involvere piuttosto velocemente fagocitato da partiti politici più strutturati.

Una nota a parte merita anche l’enorme consenso che Giannini riesce ad avere presso l’elettorato del Sud Italia. Il “fronte dell’uomo qualunque” riesce ad affermarsi in tempi velocissimi e con percentuali ragguardevoli già nelle Amministrative in Sicilia del 1946. Ma al suo interno i contrasti ideologici sono laceranti perché i 30 deputati che entrano nell’Assemblea Costituente come espressione dell’elettorato delle classi meridionali più disagiate, sono, in realtà, strenui difensori dell’ideologia latifondista. Più o meno involontariamente, Giannini, mette a nudo proprio questa contraddizione. Da un lato, le classi sociali più povere, alla disperata ricerca di una cassa di risonanza del loro disagio, ripongono fiducia nella roboante ideologia qualunquista, dall’altro Giannini e i suoi deputati ne traggono vantaggio per lasciare inalterato lo status quo. In quegli stessi anni Tomasi di Lampedusa scrive il Gattopardo ma, soprattutto il trentino De Gasperi vara la Riforma Agraria in Parlamento.  Il Sud Italia finalmente volta le spalle al latifondo e ai suoi ostinati difensori.

Maria Rosaria Aurisicchio

Classe 1969, coniugata, una figlia. L’imprenditoria è il mio mondo. Ne faccio parte direttamente ma ho il privilegio di studiarlo e osservarlo da tutte le angolazioni possibili grazie ai miei studi universitari.  Quindi mi interesso di storia, di sviluppo locale, di artigianato, di questione meridionale, di politica e di arte. Da buona appenninica meridionale parlo poco e ascolto molto, però poi scrivo….

sito promosso dall'Ufficio Comunicazioni Sociali dell'Arcidiocesi di Benevento per favorire il dialogo e il confronto tra componenti sociali e realtà ecclesiali presenti sul territorio, per far emergere notizie buone e vere che contribuiscano all'edificazione del Regno di Dio.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Società

Popolari

Le arti luogo d'incontro

Arte e poesia dialogano

Società

La chiamata

Le arti luogo d'incontro

Poesia: Bellezza dello sguardo

Vita Ecclesiale

Nomine e Provvedimenti

Vita Ecclesiale

Ordinazioni

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Società

Tutti a casa

Testimoni

Testimoni…

Beneventana

Sorridi di più

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Tags

Rubriche

Le arti luogo d'incontro

Arte e poesia dialogano

Da 24 Marzo 2021

ColoriAmo la città

Una semplice esperienza ai tempi della pandemia

Da 22 Marzo 2021

Vita Ecclesiale

Fare comunità parrocchiale

Da 15 Febbraio 2021

Le arti luogo d'incontro

Alla scoperta della “Via Crucis” di Pericle Fazzini

Da 2 Febbraio 2021

Società

La chiamata

Da 20 Gennaio 2021

Le arti luogo d'incontro

Poesia: Bellezza dello sguardo

Da 23 Dicembre 2020

Società

Chicchirichì…

Da 30 Novembre 2020

Carità

Distribuzione paniere alimentare

Da 27 Novembre 2020

Welfare

Esperienze di fraternità

Da 23 Novembre 2020

Le arti luogo d'incontro

Le arti, via rivelativa dell’essere e del sentire

Da 20 Novembre 2020

Vita Ecclesiale

Nomine e Provvedimenti

Da 19 Novembre 2020

Vita Ecclesiale

Ordinazioni

Da 19 Novembre 2020

ColoriAmo la città

“Si può, certo che si può, ma anche no”

Da 17 Novembre 2020

Società

Buone domande a tutti!

Da 17 Novembre 2020

Società

Smartché e Noesì

Da 30 Ottobre 2020

Società

La lezione di Elliot

Da 19 Ottobre 2020

Arte

Maria madre della Chiesa

Da 12 Ottobre 2020

Le arti luogo d'incontro

La poesia viaggio di un sentire interiore

Da 30 Settembre 2020

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

Da 28 Settembre 2020

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Da 21 Settembre 2020

Arte

Avanzi di galera

Da 21 Settembre 2020

Società

ColoriAmo la città

Da 10 Settembre 2020

Società

Reddito di fraternità

Da 7 Settembre 2020

Società

Una dimensione diversa

Da 31 Agosto 2020

Società

Il principio di precauzione

Da 25 Agosto 2020

Società

In fila per tre

Da 17 Agosto 2020

Percorsi letterari

Le arti come luogo d’incontro

Da 30 Luglio 2020

Società

La cultura del “dare”

Da 20 Luglio 2020

Società

Quattro punt(i) zero

Da 15 Luglio 2020

Società

Eravamo quattro amici al bar

Da 6 Luglio 2020

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Da 1 Giugno 2020

Vita Ecclesiale

Fase 2: custodire il creato

Da 29 Maggio 2020

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Da 28 Aprile 2020

Vita Ecclesiale

“Giovane, dico a te, alzati!”

Da 6 Marzo 2020

Vita Ecclesiale

Messaggio del Papa per la Quaresima

Da 25 Febbraio 2020

Libri

Padre nostro

Da 22 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro Giovannini a Cives

Da 21 Febbraio 2020

Testimoni

Vittorio Bachelet ricordato dal figlio

Da 12 Febbraio 2020

Vita Ecclesiale

Visita di Papa Francesco ad Acerra

Da 8 Febbraio 2020

Libri

Leggere per crescere

Da 8 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro De Vincenti a Cives

Da 5 Febbraio 2020

Film

Sam Mendes è tornato

Da 5 Febbraio 2020

Società

Tutti a casa

Da 3 Febbraio 2020

Welfare

“AlimenTiamo Chianche”

Da 23 Settembre 2019

Vita Ecclesiale

Si riparte dal territorio

Da 20 Settembre 2019

Mondo Cattolico

Auguri a mons. Matteo Zuppi

Da 16 Settembre 2019

Società

Campagna contro l’eutanasia

Da 16 Settembre 2019

Società

“I colori dell’accoglienza”

Da 7 Settembre 2019

Memoria

La festa del grano tra fede e arte

Da 7 Settembre 2019

Film

Manchester by the Sea

Da 26 Agosto 2019

dal Mondo

20 anni di genocidio nel Congo

Da 26 Agosto 2019

Testimoni

Ansia di Infinito

Da 30 Luglio 2019

Film

“Trono di spade”

Da 22 Luglio 2019

Beneventana

Festa di Sant’Anna a Benevento

Da 13 Luglio 2019

Film

“Blue my mind”

Da 3 Luglio 2019

Vita Ecclesiale

“Il Welcome Sociale Food”

Da 1 Luglio 2019

Tammaro

Assemblea pastorale zona Tammaro

Da 14 Giugno 2019

Società

Sguardo rivolto ai giovani

Da 5 Giugno 2019

Testimoni

Testimoni…

Da 3 Giugno 2019

Letture

YOUCAT for Kids

Da 29 Maggio 2019

Comunicazione

“Benevento la tua città”

Da 22 Maggio 2019

Testimoni

Parole e profumi

Da 17 Maggio 2019

Memoria

“Laus Musicae” a Benevento

Da 15 Maggio 2019

Mondo Cattolico

Turismo religioso Pietrelcina – Assisi

Da 15 Maggio 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 16 Aprile 2019

Comunicazione

Ecco il giornalino dell’Anspi

Da 3 Aprile 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 1 Aprile 2019

Beneventana

Sorridi di più

Da 27 Marzo 2019

Europa

Perché l’Unione Europea

Da 18 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Speciale Messa delle Ceneri

Da 8 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Da 23 Febbraio 2019

Vita Ecclesiale

Catechesi sul “Padre nostro” del Pontefice

Da 16 Febbraio 2019

Comunicazione

Perché ancora “Tempi Nuovi”

Da 24 Gennaio 2019

Mondo Cattolico

Naufragi nel Mediterraneo

Da 23 Gennaio 2019

Comunicazione

Presto in onda la nuova Tele Speranza

Da 23 Gennaio 2019

Film

West side story

Da 3 Gennaio 2022

Film

È stata la mano di Dio

Da 2 Dicembre 2021
Vai Su