Connect with us

Tempi Nuovi

Società

In fila per tre

Sono al supermercato, non ricordo più perché, ho perso la mia bella lista e mi è rimasta in mano solo la penna per depennare nulla, visto che la lista non c’è più! Vedo altri clienti, molto più avvezzi di me a fare spesa e a parlare fitto, fitto, tra loro. Si conoscono, c’è una certa familiarità. Noto che si muovono tra gli scaffali con la leggerezza delle farfalle. Ora qui, ora là. Dopo venti minuti, alcuni sono fuori, all’aria aperta! I più hanno i carrelli pieni e continuano a socializzare, con le dovute precauzioni, parlano, parlano, condividono pensieri, opinioni, ognuno espone le proprie ragioni, mentre nel mio carrello quasi vuoto ci sono solo tre cose, che conquisto dopo aver chiesto informazioni alla cassiera n. 1, alla cassiera n. 2, allo scaffalista. Gentilmente, mi indicano i posti dove posso trovare gli alimenti richiesti. Tre domande e tre prodotti! La frustrazione sale e mi ritrovo a canticchiare un brano musicale, ma non vi saprei dire con esattezza perché proprio questo brano di Edoardo Bennato. Forse per la conversazione tra marito e moglie nella fila della cassa n. 1? Per la discussione dei coniugi, in quarta posizione, nella fila della cassa n. 2? Forse perché, anche se non siamo in fila per tre, comunque siamo in fila, ben ordinati, inquadrati, anche se distanziati e muniti delle nostre mascherine anti-covid? Non mi soffermo oltre sul brano e sulle ragioni del mio canticchiare. Lascio al lettore le sue riflessioni estive sull’illusione della libertà e la fame e sete di controllo e di sicurezza.

Vorrei, invece, condividere con voi i contenuti della conversazione e della discussione dei due coniugi. Per brevità, potremmo dire “buoni e cattivi” o “in fila per tre”.

La prima coppia conversa serenamente, con tono di voce pacato, su cosa fare la domenica, ogni domenica. Una in piscina, l’altra al mare, l’altra ancora in montagna, da soli o con gli amici. La cosa importante, fondamentale, sarà di non prestarsi più, mai più, a preparare il “pranzo domenicale da mammà”. Loro, i figli, si presentano all’ultimo momento, giusto per sedersi a tavola e vanno via subito dopo pranzo. Senza aiutare ad apparecchiare o sparecchiare la tavola, senza chiedere se possono dare una mano in cucina, senza nessuna cura e attenzione per i genitori. Oggi, “ristorante”, ieri, nell’adolescenza, “albergo”! Per chi? Per gli stessi clienti, ai quali si sono aggiunti “quello” o “quella”? Parte la “ola” dalla fila della cassa n. 1. Sembra di stare allo stadio. Un fragoroso boato copre ogni altro suono: – che goal! – Un’ovazione! Tutti concordi, pienamente e platealmente, prevalentemente persone di mezza età e oltre, non possono darsi pacche sulle spalle causa covid, ma i segni di vicinanza sono evidenti: pollicioni alzati, sguardi di approvazione verso la coppia. I pochi giovani, in fila, sono inghiottiti tra gli scaffali per le ultime cose da acquistare.

La seconda coppia discute animatamente. Impossibile non sentire cosa dicono, anche distraendosi canticchiando. I toni sono accesi e concitati. Non c’è astio, è solo una modalità di comunicazione. Urlano nella forma e concordano nella sostanza. Non tollerano più l’assenza di reciprocità. I genitori oltre la mezza età e nonni, da una lato del ring, come sparring partner, e i campioni, dall’altro lato del ring, giovani adulti o adulti giovanili con prole; famiglia dei figli con nipoti. Si chiedono che amore, che legame, possa esserci senza la reciprocità. Loro sempre disponibili a dare, dare, dare. Se richiesto, a fare, fare e fare. A correre alle richieste di aiuto, a essere presenti nel soddisfare i bisogni altrui. Umiliati e offesi, anzi disconosciuti, le rare volte che esprimono un proprio bisogno. Devono riconoscere i bisogni altrui, ma non possono esprime i propri. Via, via, che la sofferenza aumenta, i toni calano. Si ferma anche il vociare nel supermercato che, per pochi istanti, sembra un tempio; c’è rispettoso silenzio dinanzi al dolore, alla sofferenza. E’ un silenzio di vicinanza, di senso di appartenenza. È un attimo, solo un momento di pausa, prima di aprire il capitolo del “bradipo ipovedente in poltrona” e del conseguente quesito, senza risposta, del perché gli altri non riescano a vedere le possibili cose da fare: un piatto, un bicchiere da lavare, una sedia fuori posto …

Condivido queste due conversazioni, che ho ascoltato mio malgrado, perché hanno a che fare con le nostre riflessioni settimanali, con le “chiusure e aperture all’altro”, con la necessità di “agire, osare”, con gli ideali giovanili dei “quattro amici al bar”, con i “punti zero” convergenti nella fratellanza, con la “cultura del dare” e con “la strategia dei piccoli passi”. Hanno a che fare con la libertà, con le comunità  e con il grande mistero della trasmissione dei doni tra le generazioni .

Assorto in questi pensieri, mi ritorna in mente un breve scritto di Ermanno Olmi.

Un caro amico pochi giorni fa mi ha inviato un messaggio whatsapp, così prendo il telefono e lo leggo a Mario, lo scaffalista. Forse ho il tono di voce un po’ alto, perché anche le due coppie ascoltato con attenzione, forse l’interesse per Olmi le invoglia a fermarsi. Ecco cosa dice il celebre regista: “I giovani che abbiamo intorno hanno una moneta che non devono assolutamente rinunciare a spendere per il valore che ha, quello di una giovinezza che deve riscuotere il diritto inalienabile di creare le condizioni di un futuro per vivere degnamente. Devono credere nella possibilità di cambiare le cose del mondo, ma anche la loro vita individuale in meglio. Se s’impegnano in questo, saranno un esempio per chi non ha inizialmente lo stesso slancio e la stessa carica di ribellione”.

Rompiamo le righe. Non se ne può più di stare in fila per tre.

Filippo Pagliarulo

sito promosso dall'Ufficio Comunicazioni Sociali dell'Arcidiocesi di Benevento per favorire il dialogo e il confronto tra componenti sociali e realtà ecclesiali presenti sul territorio, per far emergere notizie buone e vere che contribuiscano all'edificazione del Regno di Dio.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Società

Popolari

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Società

Tutti a casa

Testimoni

Testimoni…

Beneventana

Sorridi di più

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Tags

Rubriche

Società

ColoriAmo la città

Da 10 Settembre 2020

Società

Reddito di fraternità

Da 7 Settembre 2020

Società

Una dimensione diversa

Da 31 Agosto 2020

Società

Il principio di precauzione

Da 25 Agosto 2020

Società

In fila per tre

Da 17 Agosto 2020

Percorsi letterari

Le arti come luogo d’incontro

Da 30 Luglio 2020

Società

La cultura del “dare”

Da 20 Luglio 2020

Società

Quattro punt(i) zero

Da 15 Luglio 2020

Società

Eravamo quattro amici al bar

Da 6 Luglio 2020

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Da 1 Giugno 2020

Vita Ecclesiale

Fase 2: custodire il creato

Da 29 Maggio 2020

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Da 28 Aprile 2020

Vita Ecclesiale

“Giovane, dico a te, alzati!”

Da 6 Marzo 2020

Vita Ecclesiale

Messaggio del Papa per la Quaresima

Da 25 Febbraio 2020

Libri

Padre nostro

Da 22 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro Giovannini a Cives

Da 21 Febbraio 2020

Testimoni

Vittorio Bachelet ricordato dal figlio

Da 12 Febbraio 2020

Vita Ecclesiale

Visita di Papa Francesco ad Acerra

Da 8 Febbraio 2020

Libri

Leggere per crescere

Da 8 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro De Vincenti a Cives

Da 5 Febbraio 2020

Film

Sam Mendes è tornato

Da 5 Febbraio 2020

Società

Tutti a casa

Da 3 Febbraio 2020

Welfare

“AlimenTiamo Chianche”

Da 23 Settembre 2019

Vita Ecclesiale

Si riparte dal territorio

Da 20 Settembre 2019

Mondo Cattolico

Auguri a mons. Matteo Zuppi

Da 16 Settembre 2019

Società

Campagna contro l’eutanasia

Da 16 Settembre 2019

Società

“I colori dell’accoglienza”

Da 7 Settembre 2019

Memoria

La festa del grano tra fede e arte

Da 7 Settembre 2019

Film

Manchester by the Sea

Da 26 Agosto 2019

dal Mondo

20 anni di genocidio nel Congo

Da 26 Agosto 2019

Testimoni

Ansia di Infinito

Da 30 Luglio 2019

Film

“Trono di spade”

Da 22 Luglio 2019

Beneventana

Festa di Sant’Anna a Benevento

Da 13 Luglio 2019

Film

“Blue my mind”

Da 3 Luglio 2019

Vita Ecclesiale

“Il Welcome Sociale Food”

Da 1 Luglio 2019

Tammaro

Assemblea pastorale zona Tammaro

Da 14 Giugno 2019

Società

Sguardo rivolto ai giovani

Da 5 Giugno 2019

Testimoni

Testimoni…

Da 3 Giugno 2019

Letture

YOUCAT for Kids

Da 29 Maggio 2019

Comunicazione

“Benevento la tua città”

Da 22 Maggio 2019

Testimoni

Parole e profumi

Da 17 Maggio 2019

Memoria

“Laus Musicae” a Benevento

Da 15 Maggio 2019

Mondo Cattolico

Turismo religioso Pietrelcina – Assisi

Da 15 Maggio 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 16 Aprile 2019

Comunicazione

Ecco il giornalino dell’Anspi

Da 3 Aprile 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 1 Aprile 2019

Beneventana

Sorridi di più

Da 27 Marzo 2019

Europa

Perché l’Unione Europea

Da 18 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Speciale Messa delle Ceneri

Da 8 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Da 23 Febbraio 2019

Vita Ecclesiale

Catechesi sul “Padre nostro” del Pontefice

Da 16 Febbraio 2019

Comunicazione

Perché ancora “Tempi Nuovi”

Da 24 Gennaio 2019

Mondo Cattolico

Naufragi nel Mediterraneo

Da 23 Gennaio 2019

Comunicazione

Presto in onda la nuova Tele Speranza

Da 23 Gennaio 2019
Vai Su