Connect with us

Tempi Nuovi

La lezione di Elliot

Società

La lezione di Elliot

Poco tempo fa, leggendo una rivista di counselling, mi sono imbattuto in un articolo di Felice Di Lernia, antropologo. Per dirci alcune cose, l’antropologo fa delle riflessioni interessanti sul film E.T. Dico subito che non sono nuove o tutte totalmente nuove, ma sicuramente le sue riflessioni le ho apprezzate e, in buona parte, condivise, dopo aver rivisto nuovamente il film.  Ora, vorrei riproporle al lettore del nostro giornale.

E’ necessaria una premessa, articolata in due punti. Primo, il counselling, la consulenza individuale, di coppia, familiare rientra tra le “relazioni di aiuto” non cliniche. Secondo, l’esatta collocazione del film per rispondere alla domanda: –  a che genere appartiene? –

E’ un film di fantascienza o piuttosto è un film sull’incontro, sul modo di incontrare e di stare nella diversità? E’ un film di fantascienza o è un film sulla conoscenza, sulla capacità di conoscersi? E’ un film di fantascienza o è un film (didattico) sulla relazione di aiuto?

Il film, per usare le parole (in corsivo) del Di Lernia contrappone due posture relazionali, che rivelano due diversi pensieri dell’altro e della cura: da una parte c’è Elliot, dall’altra i professionisti della cura (lo staff medico che nel film tenta di salvare ET). Nel film, lo staff medico esce sconfitto, perché “non vede ET”. I medici non vedono la “diversità”, seguono il protocollo e intervengono come si interviene per curare un essere umano, ma E.T. umano non è. Persi nel training professionale non guardano e, quindi, non vedono l’essere diverso, che ha le risorse in sé per salvarsi, infatti, non morirà e riuscirà a tornare a casa. Perché i medici non vedono ET? Perché commettono due gravi errori epistemologici: ignorano l’altro e ignorano se stessi. Ignorano l’altro, perché aprioristicamente lo riducono a “come se”, “identico a se” (questo è un errore in cui possono incappare tutti i professionisti delle relazioni di cura, non solo i medici!). Ignorano se stessi perché non stanno nella relazione, perché apriori la “relazione” è negata in quanto non può avere alcuna influenza sull’altro. E’ solo la tecnica a fare la differenza! Solo la tecnica può curare. Non stando nella relazione, non c’è alcuna scoperta. Scoperta che, invece, fa Elliot. Prima percepisce che nel capanno c’è qualcosa … poi intuisce che c’è “esistenza” … infine, si fa tirare dalla curiosità e lascia che sia il bisogno dell’incontro a fargli vincere la paura … Concordo in tutto con Di Lernia, ma sostituisco “bisogno” con “desiderio”. E’ il desiderio dell’incontro che fa vincere la paura! Elliot da credito all’altro. E’ una fiducia generativa, perché crede nell’alterità. Non conosce l’altro, ma scommette sulle risorse dell’altro per investire nella relazione. Vi fa venire in mente la mamma che vi guarda con gli occhioni dolci, quando da bambini avete fatto qualche marachella, e lei vi vede già nel vostro “dover essere”, senza fermarsi a quel che siete in quel preciso momento?

Elliot ha curiosità e da fiducia, perciò saprà guardare, ascoltare, lasciar fare. Lui vede l’irriducibile differenza che lo separa da ET e scopre il mondo interiore di questo essere “diverso da sé”. Scopre i sentimenti di ET, le sue emozioni e certifica l’esistenza, prima solo intuita nell’oscurità del capanno. Piano, piano vede le risorse di ET e lascia che queste l’aiutino a tornare a casa. La lezione di Elliot è di aver rischiato nella relazione, che ad un certo punto gli sfugge di mano ed è pericolosa per sé e per il proprio “amico”. Si cala nella realtà e aiuta ET, anche difendendolo dai professionisti della cura, anche rischiando; gli grida di restare, incita ET a non lasciarlo andare. Infine, rifiuta l’invito di ET a partire con lui e gli risponde “Io resto!”.

“Io resto!” esprime l’autonomia di Elliot, la separazione dall’altro e, nello stesso tempo, riconosce che ET non ha più bisogno di lui. A questo punto, l’epilogo è “Io sarò sempre qui”. In queste parole di commiato di ET, possiamo leggere che “qui, con te, ci sarà sempre qualcuno che come me avrà bisogno della tua curiosità e della tua fiducia”.

Possiamo far tesoro della “lezione di Elliot” in ogni relazione.

Filippo Pagliarulo

sito promosso dall'Ufficio Comunicazioni Sociali dell'Arcidiocesi di Benevento per favorire il dialogo e il confronto tra componenti sociali e realtà ecclesiali presenti sul territorio, per far emergere notizie buone e vere che contribuiscano all'edificazione del Regno di Dio.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Società

Popolari

Le arti luogo d'incontro

Arte e poesia dialogano

Società

La chiamata

Le arti luogo d'incontro

Poesia: Bellezza dello sguardo

Vita Ecclesiale

Nomine e Provvedimenti

Vita Ecclesiale

Ordinazioni

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Società

Tutti a casa

Testimoni

Testimoni…

Beneventana

Sorridi di più

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Tags

Rubriche

Le arti luogo d'incontro

Arte e poesia dialogano

Da 24 Marzo 2021

ColoriAmo la città

Una semplice esperienza ai tempi della pandemia

Da 22 Marzo 2021

Vita Ecclesiale

Fare comunità parrocchiale

Da 15 Febbraio 2021

Le arti luogo d'incontro

Alla scoperta della “Via Crucis” di Pericle Fazzini

Da 2 Febbraio 2021

Società

La chiamata

Da 20 Gennaio 2021

Le arti luogo d'incontro

Poesia: Bellezza dello sguardo

Da 23 Dicembre 2020

Società

Chicchirichì…

Da 30 Novembre 2020

Carità

Distribuzione paniere alimentare

Da 27 Novembre 2020

Welfare

Esperienze di fraternità

Da 23 Novembre 2020

Le arti luogo d'incontro

Le arti, via rivelativa dell’essere e del sentire

Da 20 Novembre 2020

Vita Ecclesiale

Nomine e Provvedimenti

Da 19 Novembre 2020

Vita Ecclesiale

Ordinazioni

Da 19 Novembre 2020

ColoriAmo la città

“Si può, certo che si può, ma anche no”

Da 17 Novembre 2020

Società

Buone domande a tutti!

Da 17 Novembre 2020

Società

Smartché e Noesì

Da 30 Ottobre 2020

Società

La lezione di Elliot

Da 19 Ottobre 2020

Arte

Maria madre della Chiesa

Da 12 Ottobre 2020

Le arti luogo d'incontro

La poesia viaggio di un sentire interiore

Da 30 Settembre 2020

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

Da 28 Settembre 2020

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Da 21 Settembre 2020

Arte

Avanzi di galera

Da 21 Settembre 2020

Società

ColoriAmo la città

Da 10 Settembre 2020

Società

Reddito di fraternità

Da 7 Settembre 2020

Società

Una dimensione diversa

Da 31 Agosto 2020

Società

Il principio di precauzione

Da 25 Agosto 2020

Società

In fila per tre

Da 17 Agosto 2020

Percorsi letterari

Le arti come luogo d’incontro

Da 30 Luglio 2020

Società

La cultura del “dare”

Da 20 Luglio 2020

Società

Quattro punt(i) zero

Da 15 Luglio 2020

Società

Eravamo quattro amici al bar

Da 6 Luglio 2020

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Da 1 Giugno 2020

Vita Ecclesiale

Fase 2: custodire il creato

Da 29 Maggio 2020

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Da 28 Aprile 2020

Vita Ecclesiale

“Giovane, dico a te, alzati!”

Da 6 Marzo 2020

Vita Ecclesiale

Messaggio del Papa per la Quaresima

Da 25 Febbraio 2020

Libri

Padre nostro

Da 22 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro Giovannini a Cives

Da 21 Febbraio 2020

Testimoni

Vittorio Bachelet ricordato dal figlio

Da 12 Febbraio 2020

Vita Ecclesiale

Visita di Papa Francesco ad Acerra

Da 8 Febbraio 2020

Libri

Leggere per crescere

Da 8 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro De Vincenti a Cives

Da 5 Febbraio 2020

Film

Sam Mendes è tornato

Da 5 Febbraio 2020

Società

Tutti a casa

Da 3 Febbraio 2020

Welfare

“AlimenTiamo Chianche”

Da 23 Settembre 2019

Vita Ecclesiale

Si riparte dal territorio

Da 20 Settembre 2019

Mondo Cattolico

Auguri a mons. Matteo Zuppi

Da 16 Settembre 2019

Società

Campagna contro l’eutanasia

Da 16 Settembre 2019

Società

“I colori dell’accoglienza”

Da 7 Settembre 2019

Memoria

La festa del grano tra fede e arte

Da 7 Settembre 2019

Film

Manchester by the Sea

Da 26 Agosto 2019

dal Mondo

20 anni di genocidio nel Congo

Da 26 Agosto 2019

Testimoni

Ansia di Infinito

Da 30 Luglio 2019

Film

“Trono di spade”

Da 22 Luglio 2019

Beneventana

Festa di Sant’Anna a Benevento

Da 13 Luglio 2019

Film

“Blue my mind”

Da 3 Luglio 2019

Vita Ecclesiale

“Il Welcome Sociale Food”

Da 1 Luglio 2019

Tammaro

Assemblea pastorale zona Tammaro

Da 14 Giugno 2019

Società

Sguardo rivolto ai giovani

Da 5 Giugno 2019

Testimoni

Testimoni…

Da 3 Giugno 2019

Letture

YOUCAT for Kids

Da 29 Maggio 2019

Comunicazione

“Benevento la tua città”

Da 22 Maggio 2019

Testimoni

Parole e profumi

Da 17 Maggio 2019

Memoria

“Laus Musicae” a Benevento

Da 15 Maggio 2019

Mondo Cattolico

Turismo religioso Pietrelcina – Assisi

Da 15 Maggio 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 16 Aprile 2019

Comunicazione

Ecco il giornalino dell’Anspi

Da 3 Aprile 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 1 Aprile 2019

Beneventana

Sorridi di più

Da 27 Marzo 2019

Europa

Perché l’Unione Europea

Da 18 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Speciale Messa delle Ceneri

Da 8 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Da 23 Febbraio 2019

Vita Ecclesiale

Catechesi sul “Padre nostro” del Pontefice

Da 16 Febbraio 2019

Comunicazione

Perché ancora “Tempi Nuovi”

Da 24 Gennaio 2019

Mondo Cattolico

Naufragi nel Mediterraneo

Da 23 Gennaio 2019

Comunicazione

Presto in onda la nuova Tele Speranza

Da 23 Gennaio 2019

Film

Made in Italy

Da 22 Luglio 2021
Vai Su