Connect with us

Tempi Nuovi

Smartché e Noesì

Società

Smartché e Noesì

Siamo al bar, un gruppo di amici e qualche pensionato. Nasce una discussione sullo Smart working. Fortunatamente non c’è alcun giovane, non perché non mi entusiasmi il dialogo intergenerazionale, anzi, ma per l’assenza di lavoro che potrebbe indurli in tentazione, invitandoci a raggiungere indesiderati lidi, scurrili complementi di moto a luogo. C’è chi ha le idee molto chiare, in quanto depositario della Verità, e non è disposto al dialogo. Questo, dall’una e dall’altra parte, da chi è pro e da chi è contro il “lavoro agile”. Mentre parliamo, un anziano signore, distinto, oltre la mezza età, si avvicina e chiede cortesemente di intervenire. Gli diamo la parola e ci raccolta una storiella. Una società di servizi dall’emblematica ragione sociale “Noesì”, che con un po’ di attenzione è leggibile come “No” e “Sì” offre servizi alle aziende. In prevalenza consulenze. E’ come dire: – Vado dall’imprenditore e gli offro i miei servizi. Se gli piacciono, rientriamo nella postura relazionale del “Sì” e chiudiamo il contratto. Se li rifiuta, rientro nella postura relazionale del “No”, mi faccio dire cosa gli occorre e glielo propongo. Cioè gli offro quello lui vuole e  non quello che servirebbe alla sua azienda, e provo a chiudere il contratto. I due soci consulenti per comodità li chiameremo “il gatto e la volpe” – A questo punto, ci parla della professionalità, di come sia importante che ogni lavoro, anche il più umile, sia fatto con interesse, con passione, con professionalità appunto, con la convinzione di co-costruire qualcosa (sia beni, sia servizi) per il bene comune e, comunque, per il bene dell’acquirente, che non va assecondato come fanno “il gatto e la volpe” per trarre il massimo beneficio solo per sé. Piuttosto, professionalmente, non va chiuso il contratto se la scelta dell’imprenditore è autolesiva. Tutto questo per arrivare a dirci, dopo che si è accomodato al tavolino, –  Ora, mi dite cos’è questo Smartchè? –  Luigi, che è il meno anziano tra di noi, ha una rivista con tutti i dati statistici sul lavoro agile in Italia, nell’ultimo triennio. Ci promette che non leggerà i dati, ma solo, ogni tanto, qualche riga dell’articolo per rispondere alla domanda dell’anziano signore distinto, di mezza età che, per simpatia verso Collodi e nostra comodità, chiameremo “Grillo parlante”.  Luigi può godere del nostro credito condizionato. Non dovrà sgarrare, pena l’immediato sequestro della rivista. Procede così, fa una panoramica brevissima sullo Smartchè, una digressione sulle possibili devianze da “Noesismo” di ritorno, e una conclusione, altrettanto breve, sui pro e i contro, questa volta sui “No” e i “Sì” come risposte professionalmente valide, nel reciproco interesse di tutte le parti coinvolte. Per consentire al lettore di approfondire o meno l’argomento, rimandiamo alle schede 1 e 2. Ridiamo la parola al nostro  “grillo parlante”, che tira le sue conclusioni. Fintanto che c’è una cultura chiusa della PMI, ci sarà anche altro: scambiamo i banchieri con i bancari, omettiamo una casta tra gli eroi del lockdown, nel mercato c’è spazio per il “gatto e la volpe”, rifiutiamo lo Smartchè, tiriamo in ballo Max Weber, anche senza citarlo, immaginiamo lo Smartchè come epifania della liberazione del lavoro dai vincoli di spazio e di tempo, mistifichiamo e formuliamo l’ardita equazione Smartchè è uguale al welfare aziendale. Ma appena ci mettiamo in gioco e mostriamo le nostre fragilità, senza chiusure a priori, siamo disposti al dialogo, investiamo in ricerca, cerchiamo di ottenere dati sempre più attendibili su questa nuova creatura che è lo Smart working, l’alimentiamo perché possa crescere e arricchire la cultura e l’organizzazione delle imprese, facciamo del “lavoro agile” una risorsa, né più, né meno.

Filippo Pagliarulo

I  pro e i contro                                                                                                                                                                 Scheda

Il difensore ossessivo-compulsivo del “lavoro agile” non tiene conto:

•             dei lavoratori e delle lavoratrici delle aziende che hanno garantito i servizi “essenziali”, praticamente quelli che non potevano svolgere “lavoro agile”;

•             di chi non ha condizioni domestiche adeguate

a) per gli spazi e le difficoltà a dividere l’ambiente lavorativo da quello casalingo;

b) per lo sfavorevole contesto familiare che impedisce di indossare i panni del  “lavoratore agile”;

c) per inadeguati strumenti e tecnologie (immaginate per un attimo a tutto ciò che mette a disposizione il datore di lavoro allo smart worker la cui abitazione non è coperta dalla fibra, ma neppure da una rete in cui la trasmissione dati vada più veloce di un calesse!);

•             dei problemi legati alla solitudine, alla perdita di contatto con le persone, e ai maggiori rischi di distrazioni;

•             delle affermazioni che non ammettono repliche e che si diffondono come verità assolute, senza se e senza ma, del tipo:

– In smart working, durante il lockdown, si è lavorato di più – Di più? Forse si è lavorato meglio, forse la “flessibilità” ha fatto lavorare meglio, ma non di più. Altrimenti in ufficio, fai esercitazioni sui pollici opponibili? Oppure, mi stai dicendo che il lavoro in ufficio, privo di flessibilità, non tiene conto dei cali fisiologici di rendimento nell’arco temporale della giornata lavorativa?

– La produttività è cresciuta – Cresciuta? Per tutti è così?  Sarebbe possibile vedere i dati quantitativi del presunto incremento della produttività dell’impiegato amministrativo dell’ufficio personale o dell’ufficio contabilità e bilancio? Voglio dire, la produttività è cresciuta per tutti o solo per alcune figure professionali in smart working? Solo per quelle professionalità che hanno scelto il “lavoro agile” o anche per quelle che l’hanno subito?

Chi rifiuta aprioristicamente qualsiasi novità che possa contaminare in qualche modo la cultura e l’organizzazione del lavoro, parla del “lavoro agile”, omettendo di considerare:

•             la riduzione dei rischi. A titolo esemplificativo, teniamo conto solo del “rischio trasporto” per tutti i pendolari che usano mezzi pubblici e i “rischi” aggiuntivi per chi usa la propria auto;

•             la riduzione dei costi sostenuti sia dal lavoratore, sia dal datore di lavoro. Per il primo, i costi di trasporto pubblico; le spese di carburante, manutenzione e ammortamento dell’automobile di proprietà. Per il secondo, il taglio dei costi per gli spazi fisici: le spese ordinarie generali d’ufficio e la drastica riduzione dei materiali di consumo;

•             la serenità del lavoratore che riesce a gestire con maggiore equilibrio l’impegno professionale e familiare (sebbene i risultati delle ricerche sulla soddisfazione generale del lavoratore non siano omogenee. Vedi sopra, la ricerca dell’Università Cattolica);

•             la riduzione dell’assenteismo.

sito promosso dall'Ufficio Comunicazioni Sociali dell'Arcidiocesi di Benevento per favorire il dialogo e il confronto tra componenti sociali e realtà ecclesiali presenti sul territorio, per far emergere notizie buone e vere che contribuiscano all'edificazione del Regno di Dio.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Società

Popolari

Le arti luogo d'incontro

Arte e poesia dialogano

Società

La chiamata

Le arti luogo d'incontro

Poesia: Bellezza dello sguardo

Vita Ecclesiale

Nomine e Provvedimenti

Vita Ecclesiale

Ordinazioni

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Società

Tutti a casa

Testimoni

Testimoni…

Beneventana

Sorridi di più

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Vita Ecclesiale

I rotoli dell’Exultet

Tags

Rubriche

Le arti luogo d'incontro

Arte e poesia dialogano

Da 24 Marzo 2021

ColoriAmo la città

Una semplice esperienza ai tempi della pandemia

Da 22 Marzo 2021

Vita Ecclesiale

Fare comunità parrocchiale

Da 15 Febbraio 2021

Le arti luogo d'incontro

Alla scoperta della “Via Crucis” di Pericle Fazzini

Da 2 Febbraio 2021

Società

La chiamata

Da 20 Gennaio 2021

Le arti luogo d'incontro

Poesia: Bellezza dello sguardo

Da 23 Dicembre 2020

Società

Chicchirichì…

Da 30 Novembre 2020

Carità

Distribuzione paniere alimentare

Da 27 Novembre 2020

Welfare

Esperienze di fraternità

Da 23 Novembre 2020

Le arti luogo d'incontro

Le arti, via rivelativa dell’essere e del sentire

Da 20 Novembre 2020

Vita Ecclesiale

Nomine e Provvedimenti

Da 19 Novembre 2020

Vita Ecclesiale

Ordinazioni

Da 19 Novembre 2020

ColoriAmo la città

“Si può, certo che si può, ma anche no”

Da 17 Novembre 2020

Società

Buone domande a tutti!

Da 17 Novembre 2020

Società

Smartché e Noesì

Da 30 Ottobre 2020

Società

La lezione di Elliot

Da 19 Ottobre 2020

Arte

Maria madre della Chiesa

Da 12 Ottobre 2020

Le arti luogo d'incontro

La poesia viaggio di un sentire interiore

Da 30 Settembre 2020

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

Da 28 Settembre 2020

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Da 21 Settembre 2020

Arte

Avanzi di galera

Da 21 Settembre 2020

Società

ColoriAmo la città

Da 10 Settembre 2020

Società

Reddito di fraternità

Da 7 Settembre 2020

Società

Una dimensione diversa

Da 31 Agosto 2020

Società

Il principio di precauzione

Da 25 Agosto 2020

Società

In fila per tre

Da 17 Agosto 2020

Percorsi letterari

Le arti come luogo d’incontro

Da 30 Luglio 2020

Società

La cultura del “dare”

Da 20 Luglio 2020

Società

Quattro punt(i) zero

Da 15 Luglio 2020

Società

Eravamo quattro amici al bar

Da 6 Luglio 2020

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Da 1 Giugno 2020

Vita Ecclesiale

Fase 2: custodire il creato

Da 29 Maggio 2020

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Da 28 Aprile 2020

Vita Ecclesiale

“Giovane, dico a te, alzati!”

Da 6 Marzo 2020

Vita Ecclesiale

Messaggio del Papa per la Quaresima

Da 25 Febbraio 2020

Libri

Padre nostro

Da 22 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro Giovannini a Cives

Da 21 Febbraio 2020

Testimoni

Vittorio Bachelet ricordato dal figlio

Da 12 Febbraio 2020

Vita Ecclesiale

Visita di Papa Francesco ad Acerra

Da 8 Febbraio 2020

Libri

Leggere per crescere

Da 8 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro De Vincenti a Cives

Da 5 Febbraio 2020

Film

Sam Mendes è tornato

Da 5 Febbraio 2020

Società

Tutti a casa

Da 3 Febbraio 2020

Welfare

“AlimenTiamo Chianche”

Da 23 Settembre 2019

Vita Ecclesiale

Si riparte dal territorio

Da 20 Settembre 2019

Mondo Cattolico

Auguri a mons. Matteo Zuppi

Da 16 Settembre 2019

Società

Campagna contro l’eutanasia

Da 16 Settembre 2019

Società

“I colori dell’accoglienza”

Da 7 Settembre 2019

Memoria

La festa del grano tra fede e arte

Da 7 Settembre 2019

Film

Manchester by the Sea

Da 26 Agosto 2019

dal Mondo

20 anni di genocidio nel Congo

Da 26 Agosto 2019

Testimoni

Ansia di Infinito

Da 30 Luglio 2019

Film

“Trono di spade”

Da 22 Luglio 2019

Beneventana

Festa di Sant’Anna a Benevento

Da 13 Luglio 2019

Film

“Blue my mind”

Da 3 Luglio 2019

Vita Ecclesiale

“Il Welcome Sociale Food”

Da 1 Luglio 2019

Tammaro

Assemblea pastorale zona Tammaro

Da 14 Giugno 2019

Società

Sguardo rivolto ai giovani

Da 5 Giugno 2019

Testimoni

Testimoni…

Da 3 Giugno 2019

Letture

YOUCAT for Kids

Da 29 Maggio 2019

Comunicazione

“Benevento la tua città”

Da 22 Maggio 2019

Testimoni

Parole e profumi

Da 17 Maggio 2019

Memoria

“Laus Musicae” a Benevento

Da 15 Maggio 2019

Mondo Cattolico

Turismo religioso Pietrelcina – Assisi

Da 15 Maggio 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 16 Aprile 2019

Comunicazione

Ecco il giornalino dell’Anspi

Da 3 Aprile 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 1 Aprile 2019

Beneventana

Sorridi di più

Da 27 Marzo 2019

Europa

Perché l’Unione Europea

Da 18 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Speciale Messa delle Ceneri

Da 8 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Da 23 Febbraio 2019

Vita Ecclesiale

Catechesi sul “Padre nostro” del Pontefice

Da 16 Febbraio 2019

Comunicazione

Perché ancora “Tempi Nuovi”

Da 24 Gennaio 2019

Mondo Cattolico

Naufragi nel Mediterraneo

Da 23 Gennaio 2019

Comunicazione

Presto in onda la nuova Tele Speranza

Da 23 Gennaio 2019

ColoriAmo la città

Una esperienza … senza alcun timore

Da 12 Aprile 2021

Vita Ecclesiale

I rotoli dell’Exultet

Da 6 Aprile 2021
Vai Su