Connect with us

Tempi Nuovi

Società

Credulonia

Il segno della follia complottista nelle immagini delle macerie di Capitol Hill saccheggiato dai manifestanti. Follia? Possibile che il 25% dell’elettorato statunitense sia folle? Di quale libertà parliamo e, soprattutto, di che democrazia? Qualche dubbio l’avevamo, ancor prima di imbatterci in Lisa Bortolotti, bolognese, professoressa di Filosofia presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università di Birmingham. E’ stata proprio lei, una delle tante eccellenze italiane all’estero, a sottolinearci che sono numerose le ricerche scientifiche condotte sui meccanismi psicologici, cognitivo-comportamentali, alla base del complottismo. Le ricerche ci presentano il pensiero complottista come frutto di processi cognitivi del tutto fisiologici, che guidano i nostri ragionamenti anche in molti altri ambiti. Questo è importante per comprendere il fenomeno e combatterlo. Gli scienziati non negano l’irrazionalità o la pericolosità del complottismo, ma mettono in luce i modi di pensare, i meccanismi, così da comprenderli e affrontarli più efficacemente. Prendiamo per esempio il negazionismo riguardo la pandemia di Covid-19. C’è chi nega che il virus esista, chi nega solo la trasmissibilità, chi rifiuta la pericolosità. È  una montatura dei poteri forti per controllarci, per arricchirsi ancora di più a nostro scapito! Ci sono poi una varietà di altre teorie sulle origini del virus, la sua diffusione, i rimedi possibili. C’è chi sostiene che il virus sia stato creato intenzionalmente in un laboratorio di Wuhan. Chi alimenta l’ipotesi e la sostiene animatamente che il virus si diffonda per mezzo della tecnologia 5G o delle coltivazioni Ogm. Chi sostiene che le cure efficaci ci sarebbero, ma siano tenute nascoste. Insomma, potremmo continuare e percorre altri sentieri irrazionali oltre al virus che “non esiste” e ritrovarci  nel “non siamo mai stati sulla luna” o nelle “scie chimiche” rilasciate dagli aerei.  Queste teorie hanno alcuni tratti comuni di fondo. La dietrologia: pensare che la realtà sia diversa da come appare e che trame di senso nascoste connettano ciò che visibilmente alle masse può sembrare frutto del caso. L’intenzionalismo: essere fermamente convinti che tutto ciò che accade è riconducibile all’azione deliberata di agenti intenzionali. Il semplicismo: semplificare, semplificare e semplificare anche questioni molto complesse cercando spiegazioni lineari, intuitive. Questi elementi comuni del pensiero complottista, come ampiamente dimostrato dalle ricerche scientifiche e dagli studi, hanno origine in risposta a bisogni psicologici che abbiamo tutti noi: complottisti e non. Quali sono questi bisogni? La comprensione: il bisogno di comprendere la trama esplicativa di tutto ciò che accade nel mondo. Una sorta di comprensione causale. Quando non disponiamo di spiegazioni su qualche fenomeno o quelle che ci vengono fornite risultano molto complesse, produciamo noi stessi soluzioni più semplici e intuitive, anche se assolutamente irrazionali e senza alcun fondamento scientifico. Questo succede perché l’incertezza non è tollerabile per l’uomo e per la donna o comunque è più tollerabile una spiegazione infondata che una incertezza, un’assenza di certezze causali nel nostro mondo, nella nostra mappa del mondo, costruita con tanto impegno e sforzo pluriennale.  A braccetto con la comprensione, troviamo il controllo,  il bisogno di controllo. Chi tra noi non desidera determinare la propria vita? Non in assoluto, ma almeno determinare gli aspetti più significativi della propria esistenza? Se ciò che ci succede è frutto delle intenzioni di un agente, abbiamo l’impressione/illusione di poter controllare meglio la realtà. Un minimo di potere è nelle nostre mani, perché se ci sono dei responsabili possiamo puntare il dito, condannarli pubblicamente. Dietrologia, intenzionalismo e semplicismo per soddisfare i bisogni di comprensione causale e controllo. Lasciare che i nostri bisogni e desideri guidino i nostri ragionamenti influenzando ciò in cui crediamo non è una caratteristica esclusiva del pensiero complottista e la ritroviamo in tutti nei momenti di crisi o di stress. Distacchiamoci per un attimo da noi e guardiamo criticamente i nostri pensieri, ragionamenti o le nostre semplificazioni. Pensiamo per un momento alla “ricerca del capro espiatorio” o più semplicemente del “responsabile” da additare, biasimare. Non vi sembra che sia una pratica abbastanza diffusa? Vediamo i post sui social dall’inizio della pandemia? Sono “contro” X. L’incognita sarà il “governo”, “le teste calde che si assembrano ad agosto”, chi “non indossa bene la mascherina”, “quelli dell’aperitivo”, “quelli dello shopping compulsivo” … chiunque, escluso noi, ha gravissime responsabilità sulla situazione che stiamo subendo/vivendo. L’agire intenzionale di X incognita causa tutto questo! Gli sfoghi, le lamentazioni, gli attacchi contro presunti responsabili nascono dal bisogno di dare un volto al “colpevole” e di recuperare un minimo di controllo su una situazione oggettivamente difficile. Ciò è estremamente più semplice rispetto a sviscerare una realtà complessa e fondare le proprie valutazioni dopo una lucida analisi di errori e responsabilità. Tra l’altro rischiando, difronte a questa complessità, di far capitolare il proprio ego per deficienza/incapacità cognitiva. Stiamo parlando di noi tutti, non dei complottisti, che sono solo una parte! Essere a conoscenza della continuità tra i meccanismi del pensiero complottista e quelli che guidano alcuni (o molti) dei nostri pensieri quotidiani è importante. Riconoscere che ci sono  meccanismi cognitivi universali, significa ammettere che siamo tutti meno razionali di quanto pensiamo di essere. L’unico modo di cambiare le cose è partire dai noi stessi. Siamo parzialmente “irrazionali”? Allora, moderiamo i toni, lavoriamo per una cultura della fiducia, capiamo i bisogni altrui, siamo più clementi con le Istituzioni, non postiamo stupidaggini, non alimentiamo le polarizzazioni, la distinzione tra “noi” e “loro” fonte inesauribile di sfiducia reciproca, sospetti, divisioni e veleni. Dobbiamo fare pulizia! Perché tutto questo pattume “normale” alimenta le “devianze”. La normale irrazionalità esasperata nutre ogni forma di anormale irrazionalità complottista, che ha terreno fertilissimo in ambienti aspramente polarizzati ed è legato a dinamiche identitarie (identità di gruppo). Le scelte psicologiche complottiste nascono più favorevolmente in condizioni sociali di disagio, svantaggio, emarginazione o semplicemente esclusione. Rafforzare la coesione sociale e i valori di comunità, ridurre le diseguaglianze, ridare fiducia alle istituzioni, battersi per i beni comuni è la risposta politica per affrontare e sconfiggere il complottismo e ogni altra forma di vita irrazionale a Credulonia, che non è solo oltre oceano, ma è anche qui. 

Area consultoriale – Spazio Famiglia- Benevento

sito promosso dall'Ufficio Comunicazioni Sociali dell'Arcidiocesi di Benevento per favorire il dialogo e il confronto tra componenti sociali e realtà ecclesiali presenti sul territorio, per far emergere notizie buone e vere che contribuiscano all'edificazione del Regno di Dio.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Società

Popolari

Le arti luogo d'incontro

Arte e poesia dialogano

Società

La chiamata

Le arti luogo d'incontro

Poesia: Bellezza dello sguardo

Vita Ecclesiale

Nomine e Provvedimenti

Vita Ecclesiale

Ordinazioni

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Società

Tutti a casa

Testimoni

Testimoni…

Beneventana

Sorridi di più

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Le arti luogo d'incontro

Antonio Di Nola e L’arte della fede

Tags

Rubriche

Le arti luogo d'incontro

Arte e poesia dialogano

Da 24 Marzo 2021

ColoriAmo la città

Una semplice esperienza ai tempi della pandemia

Da 22 Marzo 2021

Vita Ecclesiale

Fare comunità parrocchiale

Da 15 Febbraio 2021

Le arti luogo d'incontro

Alla scoperta della “Via Crucis” di Pericle Fazzini

Da 2 Febbraio 2021

Società

La chiamata

Da 20 Gennaio 2021

Le arti luogo d'incontro

Poesia: Bellezza dello sguardo

Da 23 Dicembre 2020

Società

Chicchirichì…

Da 30 Novembre 2020

Carità

Distribuzione paniere alimentare

Da 27 Novembre 2020

Welfare

Esperienze di fraternità

Da 23 Novembre 2020

Le arti luogo d'incontro

Le arti, via rivelativa dell’essere e del sentire

Da 20 Novembre 2020

Vita Ecclesiale

Nomine e Provvedimenti

Da 19 Novembre 2020

Vita Ecclesiale

Ordinazioni

Da 19 Novembre 2020

ColoriAmo la città

“Si può, certo che si può, ma anche no”

Da 17 Novembre 2020

Società

Buone domande a tutti!

Da 17 Novembre 2020

Società

Smartché e Noesì

Da 30 Ottobre 2020

Società

La lezione di Elliot

Da 19 Ottobre 2020

Arte

Maria madre della Chiesa

Da 12 Ottobre 2020

Le arti luogo d'incontro

La poesia viaggio di un sentire interiore

Da 30 Settembre 2020

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

Da 28 Settembre 2020

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Da 21 Settembre 2020

Arte

Avanzi di galera

Da 21 Settembre 2020

Società

ColoriAmo la città

Da 10 Settembre 2020

Società

Reddito di fraternità

Da 7 Settembre 2020

Società

Una dimensione diversa

Da 31 Agosto 2020

Società

Il principio di precauzione

Da 25 Agosto 2020

Società

In fila per tre

Da 17 Agosto 2020

Percorsi letterari

Le arti come luogo d’incontro

Da 30 Luglio 2020

Società

La cultura del “dare”

Da 20 Luglio 2020

Società

Quattro punt(i) zero

Da 15 Luglio 2020

Società

Eravamo quattro amici al bar

Da 6 Luglio 2020

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Da 1 Giugno 2020

Vita Ecclesiale

Fase 2: custodire il creato

Da 29 Maggio 2020

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Da 28 Aprile 2020

Vita Ecclesiale

“Giovane, dico a te, alzati!”

Da 6 Marzo 2020

Vita Ecclesiale

Messaggio del Papa per la Quaresima

Da 25 Febbraio 2020

Libri

Padre nostro

Da 22 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro Giovannini a Cives

Da 21 Febbraio 2020

Testimoni

Vittorio Bachelet ricordato dal figlio

Da 12 Febbraio 2020

Vita Ecclesiale

Visita di Papa Francesco ad Acerra

Da 8 Febbraio 2020

Libri

Leggere per crescere

Da 8 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro De Vincenti a Cives

Da 5 Febbraio 2020

Film

Sam Mendes è tornato

Da 5 Febbraio 2020

Società

Tutti a casa

Da 3 Febbraio 2020

Welfare

“AlimenTiamo Chianche”

Da 23 Settembre 2019

Vita Ecclesiale

Si riparte dal territorio

Da 20 Settembre 2019

Mondo Cattolico

Auguri a mons. Matteo Zuppi

Da 16 Settembre 2019

Società

Campagna contro l’eutanasia

Da 16 Settembre 2019

Società

“I colori dell’accoglienza”

Da 7 Settembre 2019

Memoria

La festa del grano tra fede e arte

Da 7 Settembre 2019

Film

Manchester by the Sea

Da 26 Agosto 2019

dal Mondo

20 anni di genocidio nel Congo

Da 26 Agosto 2019

Testimoni

Ansia di Infinito

Da 30 Luglio 2019

Film

“Trono di spade”

Da 22 Luglio 2019

Beneventana

Festa di Sant’Anna a Benevento

Da 13 Luglio 2019

Film

“Blue my mind”

Da 3 Luglio 2019

Vita Ecclesiale

“Il Welcome Sociale Food”

Da 1 Luglio 2019

Tammaro

Assemblea pastorale zona Tammaro

Da 14 Giugno 2019

Società

Sguardo rivolto ai giovani

Da 5 Giugno 2019

Testimoni

Testimoni…

Da 3 Giugno 2019

Letture

YOUCAT for Kids

Da 29 Maggio 2019

Comunicazione

“Benevento la tua città”

Da 22 Maggio 2019

Testimoni

Parole e profumi

Da 17 Maggio 2019

Memoria

“Laus Musicae” a Benevento

Da 15 Maggio 2019

Mondo Cattolico

Turismo religioso Pietrelcina – Assisi

Da 15 Maggio 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 16 Aprile 2019

Comunicazione

Ecco il giornalino dell’Anspi

Da 3 Aprile 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 1 Aprile 2019

Beneventana

Sorridi di più

Da 27 Marzo 2019

Europa

Perché l’Unione Europea

Da 18 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Speciale Messa delle Ceneri

Da 8 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Da 23 Febbraio 2019

Vita Ecclesiale

Catechesi sul “Padre nostro” del Pontefice

Da 16 Febbraio 2019

Comunicazione

Perché ancora “Tempi Nuovi”

Da 24 Gennaio 2019

Mondo Cattolico

Naufragi nel Mediterraneo

Da 23 Gennaio 2019

Comunicazione

Presto in onda la nuova Tele Speranza

Da 23 Gennaio 2019

Le arti luogo d'incontro

Antonio Di Nola e L’arte della fede

Da 15 Ottobre 2021

Mondo Cattolico

Pompei, gli appuntamenti del mese del Rosario

Da 24 Settembre 2021
Vai Su