Connect with us

Tempi Nuovi

Una dimensione diversa

Società

Una dimensione diversa

Mi è venuta un’ondata di pessimismo di fronte alle realtà esterne. Non è un pessimismo che nasce in me stesso, altrimenti sarei giù, non crederei più a niente, non vedrei più alcuna luce … No, è un pessimismo diverso, che nasce dal pensare perché il mondo funziona così. L’odio cresce. Dal tempo di Nabucodonosor, quando scorticavano viva la gente, oppure facevano le guerre che distruggevano popoli, oggi non è cambiato niente. Succede uguale anche oggi. Anzi, è cresciuto … la bomba atomica … peggio dei torturatori persiani di un tempo. Insomma, vedo che l’umanità non è andata avanti. Il fatto che l’umanità nel suo insieme non sia andata avanti, non sia migliorata, è un problema. Non so se vi siete mai posti un problema del genere: la cibernetica[1] dell’umanità non funziona. Più precisamente, la cibernetica funziona, ma non funziona l’anima dentro. Pensavo che l’umanità evolvesse, andando avanti, sviluppandosi, magari diventando sempre più uno in se stessa, insomma un’unità cibernetica dove avrebbe funzionato tutto benissimo, gli uomini si sarebbero rispettati, niente più torture, mai più guerre. Però ho visto che il principio per cui gli uomini si muovono è un principio negativo: il principio dell’egoismo. Vedo società perfette in cui gli uomini si sono messi d’accordo per non essere mangiati a vicenda. Si organizza tutto bene, accordandosi: – io prendo tutto quello che posso prendere, tu prendi tutto quello che puoi prendere e così andiamo avanti -. Siamo perfetti, l’organizzazione funziona bene, stiamo tutti bene, non manca niente. Ma cosa c‘è alla base? Egoismo. La logica di prendere, di avere per sé. Qui nasce il problema, perché sento che il principio vero è che io devo dare tutto quello che posso dare e tu devi dare tutto quello che puoi dare. Capite? Sento che l’umanità non è basata su questo principio del dare. Bisogna cambiare il “segno” del principio. Perciò l’ondata di pessimismo, perché il progresso dell’umanità è solo tecnico, tecnologico, puramente cibernetico. Società con strutture sociali perfette e che si perfezionano, ma tutto ciò non va, perché l’umanità, con la vocazione ad essere una, è basata sull’egoismo e non sull’amore. Non parlo degli individui, ma dell’insieme. Di individui che amano ce ne sono tanti, abbiamo persino i santi, ma l’umanità “una” non è realizzata. (Piero Pasolini)

Costatiamo che le società, pur funzionando con principi egoistici, funzionano comunque. Certo producono società-giungla e non comunità, ma funzionano.

Ancora due spunti di riflessione. Il primo da Teillhard de Chardin e dal suo principio fondamentale, cui ha dato il nome “legge della creazione”. Brevemente, cos’è questo principio? La creazione avanza, perché i vari elementi si mettono insieme in una logica di donazione reciproca. Il mettersi insieme delle cose, almeno due, crea una terza cosa nella logica dell’amore, del dono. La creazione, il mondo, va avanti così.

Soltanto l’amore è in grado di unire gli esseri umani in modo tale da completarli e appagarli, poiché esso solo li sceglie e li congiunge tramite ciò che v’è in loro di più profondo. (Pierre Teilhard de Chardin)

Come secondo spunto di riflessione, propongo, in corsivo, le parole dell’autore

… La società è malata perché è una società di bisogni e non di desideri, una società basata sull’avere e non sul dono … (Nietzsche)

Ha fatto la diagnosi giusta! La nevrosi della società umana è dovuta al fatto che invece di donare sente di prendere. Una nevrosi è una malattia. Se la società e malata e la cura sta nel cambiare il “segno” del principio da negativo (prendere, avere) a positivo (dare), anche tutti i “problemi” che la società presenta sono in realtà “non problemi”, perché non risolvibili senza cambiare il “segno” del principio.

Facciamo qualche esempio per comprendere, a grandi linee, i “non problemi”.

Partiamo da un problema sociale che riveste (o ha rivestito?) un grande interesse culturale, politico: l’uguaglianza. Pensare a tutti gli uomini uguali è come pensare a un gregge di pecore, sono sì tutti uguali, ma non hanno alcun rapporto generativo tra di loro, non possono creare qualcosa che li trascende. Scientificamente dovremmo pensare agli uomini per quel che sono, l’uno diverso dall’altro. Nella società in cui l’umanità “funziona” sul principio positivo del dono, il “problema” sarebbe dell’armonia e non dell’uguaglianza. Armonia nella distinzione, in cui ciascuno si realizza donandosi; in cui il dono reciproco “ri-crea” continuamente la realtà.

Povertà. Veramente pensiamo di azzerare le povertà? Immaginiamo concretamente di risolvere il problema povertà, partendo dall’umanità che “funziona” sull’egoismo e non sull’amore? Sul sospetto e non sulla fiducia? Sull’avere e non sul dare? Sul prevaricare e non sul servire? Se l’umanità funzionasse sul principio positivo del dono, il “problema” povertà non esisterebbe.

Fraternità. Altrove abbiamo anche proposto fratellanza. Non credo sia necessario dilungarci. È evidente che l’umanità che “funziona” sull’egoismo non possa generare fraternità.

Trasferiamoci nel campo dei valori umani più universali, soprattutto nel campo di quei valori giustamente chiamati primari, come la pace, la libertà, l’uguaglianza, la giustizia, la fratellanza (Arnaldo Diana).

Come interpretare questi valori, che sarebbero anche dei “non-problemi”? È evidente che il principio in cui “funziona” l’umanità ci sovrasta, ma possiamo cambiarlo per “funzionare” noi stessi in maniera diversa. Chi o cosa ci vieta di abbandonare “i bisogni per i desideri, l’avere e il possedere per il dare e il dono”? In fondo si dovrebbe avere solo il coraggio di cambiare il segno algebrico da “-“ a “+” per la propria e l’altrui felicità e realizzazione.

Filippo Pagliarulo


[1]  Cibernetica. Disciplina che si occupa dello studio unitario dei processi riguardanti «la comunicazione e il controllo nell’animale e nella macchina» (secondo la definizione di N. Wiener, 1947): partendo dalle ipotesi che vi sia una sostanziale analogia tra i ‘meccanismi di regolazione’ delle macchine e quelli degli esseri viventi e che alla base di questi meccanismi vi siano processi di comunicazione e di analisi di informazioni; la cibernetica si propone da un lato di studiare e di realizzare macchine ad alto grado di automatismo, atte a sostituire l’uomo nella sua funzione di controllore e di pilota di macchine e di impianti, e dall’altro lato, inversamente, di servirsi delle macchine anzidette per studiare determinate funzioni fisiologiche e dell’intelligenza.

sito promosso dall'Ufficio Comunicazioni Sociali dell'Arcidiocesi di Benevento per favorire il dialogo e il confronto tra componenti sociali e realtà ecclesiali presenti sul territorio, per far emergere notizie buone e vere che contribuiscano all'edificazione del Regno di Dio.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Società

Popolari

Vita Ecclesiale

Nomine e Provvedimenti

Vita Ecclesiale

Ordinazioni

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Società

Tutti a casa

Testimoni

Testimoni…

Beneventana

Sorridi di più

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Società

Amo la vita

Tags

Rubriche

Società

Chicchirichì…

Da 30 Novembre 2020

Carità

Distribuzione paniere alimentare

Da 27 Novembre 2020

Welfare

Esperienze di fraternità

Da 23 Novembre 2020

Le arti luogo d'incontro

Le arti, via rivelativa dell’essere e del sentire

Da 20 Novembre 2020

Vita Ecclesiale

Nomine e Provvedimenti

Da 19 Novembre 2020

Vita Ecclesiale

Ordinazioni

Da 19 Novembre 2020

ColoriAmo la città

“Si può, certo che si può, ma anche no”

Da 17 Novembre 2020

Società

Buone domande a tutti!

Da 17 Novembre 2020

Società

Smartché e Noesì

Da 30 Ottobre 2020

Società

La lezione di Elliot

Da 19 Ottobre 2020

Arte

Maria madre della Chiesa

Da 12 Ottobre 2020

Le arti luogo d'incontro

La poesia viaggio di un sentire interiore

Da 30 Settembre 2020

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

Da 28 Settembre 2020

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Da 21 Settembre 2020

Arte

Avanzi di galera

Da 21 Settembre 2020

Società

ColoriAmo la città

Da 10 Settembre 2020

Società

Reddito di fraternità

Da 7 Settembre 2020

Società

Una dimensione diversa

Da 31 Agosto 2020

Società

Il principio di precauzione

Da 25 Agosto 2020

Società

In fila per tre

Da 17 Agosto 2020

Percorsi letterari

Le arti come luogo d’incontro

Da 30 Luglio 2020

Società

La cultura del “dare”

Da 20 Luglio 2020

Società

Quattro punt(i) zero

Da 15 Luglio 2020

Società

Eravamo quattro amici al bar

Da 6 Luglio 2020

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Da 1 Giugno 2020

Vita Ecclesiale

Fase 2: custodire il creato

Da 29 Maggio 2020

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Da 28 Aprile 2020

Vita Ecclesiale

“Giovane, dico a te, alzati!”

Da 6 Marzo 2020

Vita Ecclesiale

Messaggio del Papa per la Quaresima

Da 25 Febbraio 2020

Libri

Padre nostro

Da 22 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro Giovannini a Cives

Da 21 Febbraio 2020

Testimoni

Vittorio Bachelet ricordato dal figlio

Da 12 Febbraio 2020

Vita Ecclesiale

Visita di Papa Francesco ad Acerra

Da 8 Febbraio 2020

Libri

Leggere per crescere

Da 8 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro De Vincenti a Cives

Da 5 Febbraio 2020

Film

Sam Mendes è tornato

Da 5 Febbraio 2020

Società

Tutti a casa

Da 3 Febbraio 2020

Welfare

“AlimenTiamo Chianche”

Da 23 Settembre 2019

Vita Ecclesiale

Si riparte dal territorio

Da 20 Settembre 2019

Mondo Cattolico

Auguri a mons. Matteo Zuppi

Da 16 Settembre 2019

Società

Campagna contro l’eutanasia

Da 16 Settembre 2019

Società

“I colori dell’accoglienza”

Da 7 Settembre 2019

Memoria

La festa del grano tra fede e arte

Da 7 Settembre 2019

Film

Manchester by the Sea

Da 26 Agosto 2019

dal Mondo

20 anni di genocidio nel Congo

Da 26 Agosto 2019

Testimoni

Ansia di Infinito

Da 30 Luglio 2019

Film

“Trono di spade”

Da 22 Luglio 2019

Beneventana

Festa di Sant’Anna a Benevento

Da 13 Luglio 2019

Film

“Blue my mind”

Da 3 Luglio 2019

Vita Ecclesiale

“Il Welcome Sociale Food”

Da 1 Luglio 2019

Tammaro

Assemblea pastorale zona Tammaro

Da 14 Giugno 2019

Società

Sguardo rivolto ai giovani

Da 5 Giugno 2019

Testimoni

Testimoni…

Da 3 Giugno 2019

Letture

YOUCAT for Kids

Da 29 Maggio 2019

Comunicazione

“Benevento la tua città”

Da 22 Maggio 2019

Testimoni

Parole e profumi

Da 17 Maggio 2019

Memoria

“Laus Musicae” a Benevento

Da 15 Maggio 2019

Mondo Cattolico

Turismo religioso Pietrelcina – Assisi

Da 15 Maggio 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 16 Aprile 2019

Comunicazione

Ecco il giornalino dell’Anspi

Da 3 Aprile 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 1 Aprile 2019

Beneventana

Sorridi di più

Da 27 Marzo 2019

Europa

Perché l’Unione Europea

Da 18 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Speciale Messa delle Ceneri

Da 8 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Da 23 Febbraio 2019

Vita Ecclesiale

Catechesi sul “Padre nostro” del Pontefice

Da 16 Febbraio 2019

Comunicazione

Perché ancora “Tempi Nuovi”

Da 24 Gennaio 2019

Mondo Cattolico

Naufragi nel Mediterraneo

Da 23 Gennaio 2019

Comunicazione

Presto in onda la nuova Tele Speranza

Da 23 Gennaio 2019
Vai Su