Connect with us

Tempi Nuovi

L’ex Ministro De Vincenti a Cives

Società

L’ex Ministro De Vincenti a Cives

Un pubblico particolarmente interessato alle tematiche oggetto dell’ottavo incontro di Cives e ai relatori di rilievo intervenuti ha vivacizzato l’incontro organizzato insieme con Confindustria Benevento e che è stato introdotto, come di consueto, da  Ettore Rossi, coordinatore del laboratorio di formazione al bene comune.  Nell’introdurre gli ospiti, Claudio De Vincenti e Filippo Liverini, Il direttore dell’Ufficio per i problemi sociali e il lavoro della diocesi di Benevento non è riuscito a celare l’amarezza nelle parole di denuncia di decenni di politiche inadeguate che hanno avuto conseguenze nefaste non solo per il Sud, ma sono responsabili del cosiddetto “doppio divario”, Nord-Sud e ora anche  tra  Italia-Europa. Nei piccoli centri e, a voler zumare  tra campanili, viuzze e case, si scopre il deserto di anime e di “cervelli”, emigrati in altre più lontane realtà territoriali, non essendo l’ attuale “società cognitiva” citata da Rossi, capace di impiegare i nostri giovani, i loro studi anche universitari  e le loro competenze, ben apprezzate invece all’estero. Altra piaga lamentata sono le politiche estrattive e l’assistenzialismo, preferite a quelle inclusive capaci magari di stimolare il genius loci presente nei diversi territori meridionali. Lo stesso reddito di cittadinanza, seppure sia nato  con l’intento anche condivisibile di limitare la povertà assoluta, alla lunga non è preferibile a politiche  lungimiranti  di investimento. Poi Rossi conclude auspicando una rinnovata e capace classe dirigente, in grado di traghettare l’Italia e gli italiani verso l’altra sponda della crisi economica.  Una crisi che, a detta di Filippo Liverini, dati alla mano, ancora ci attanaglia dal lontano 2008.  “Deteniamo il triste primato della mancata ripresa insieme alla Grecia”, afferma deluso il presidente di Confindustria Benevento. Poi aggiunge: ”Avremmo molti motivi di orgoglio: il mondo ci riconosce know-how, attrattiva, capacità di ricerca nelle scienze e nelle tecnologie, capacità manifatturiere, culinarie, artistiche in senso lato, ma non ne siamo consapevoli e continuiamo a piangerci addosso, riducendo così la capacità reattiva che ci lascia in uno stato comatoso da cui la politica e i cattivi governanti  non riescono a tirarci fuori”. Si dice tuttavia fiducioso nella ripresa. Secondo le previsioni del Presidente di Confindustria Benevento e dai dati internazionali riportati, l’Italia potrebbe scalare di tre punti la classifica internazionale e porsi prima di Francia e Germania, se solo diventasse più competitiva portando a compimento la semplificazione amministrativa, se più italiani imparassero ad utilizzare il computer e se si perseguissero gli obiettivi di crescita sostenibile in campo ambientale, economico e sociale. Crede nelle donne Liverini, e sostiene che il sesso nient’affatto debole sa meglio gestire i ruoli nelle posizioni apicali, essendo le donne meno autoreferenziali degli uomini posti agli stessi livelli. Poi individua nella carenza di infrastrutture, nella mancanza di reti territoriali  e nella riduzione nel numero di banche nelle piccole realtà territoriali un freno alla ripresa. Indirizza le responsabilità di  business plan mancati da parte di una classe politica, spesso incompetente che, denuncia,  ne elabora alcuni, ma solo in campagna elettorale, per poi sconfessarli nella fasi  successive in cui dovrebbero concretizzarsi impegno e studio.

Sulla questione banche interviene Claudio de Vincenti, ex ministro alla Coesione territoriale e  per il Mezzogiorno, già sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel governo Renzi, nonché docente all’Università la Sapienza e alla LUISS Guido Carli.  De Vincenti non trova disdicevole la  presenza di più banche sul territorio; ciò che conta è che esse si occupino di formare manager, capaci di interfacciarsi sul territorio e saperne leggere le potenzialità e le richieste per creare un tessuto creditizio con cui far fronte alla crescita del Mezzogiorno. Un modo per recuperare c’è, rincuora, e va rinvenuto nel recupero di una cultura ecologica integrale, con iniziative a favore dell’ambiente e  delle persone, da osservare con “sguardo diverso”, inclusivo e responsabile. Scienza e tecnologie non debbono essere demonizzate; esse, al contrario, “possono contribuire al cambiamento, alla qualità della vita, a compiere il salto verso la bellezza”. I principi ispiratori così come espressi nella “Laudato sì” di Papa Francesco, sono condivisi nella “Svolta della Commissione UE” con il “Sustainable Europe Investment Plan” e ripresi dall’Associazione Merita Meridione Italia, la “creatura” di cui De Vincenti è fondatore, che ha lo scopo di rimettere al centro il tema della questione meridionale come questione nazionale. Si è perso il senso di uno Stato centrale che si prenda la responsabilità dello sviluppo del Mezzogiorno, con istituzioni al servizio delle energie vive della sua società. Nel manifesto di MERITA si fa riferimento ad obiettivi di sostenibilità integrale per i quali occorre essere o avvalersi di amministratori responsabili, rinunciare a sogni di onnipotenza sul mondo a favore della ricerca di equilibrio  tra Nord e Sud , mirare a colmare il divario economico e sociale che affligge il nostro Paese e recuperare il peso che l’Italia rischia di perdere nel confronto con l’Europa. Al Sud servono imprese e lavoro. De Vincenti riferisce di un passaggio d’epoca in corso che occorre saper gestire col ricorso a scienza e tecnologia  rifuggendo ignoranza e pregiudizio. Tale passaggio ci traghetterà verso gli obiettivi  programmati per il 2050, ma  per forza di cose deve passare per percorsi intermedi, fatti di compromessi, di accettazione di misure che non sono l’obiettivo finale, ma che ci aiuteranno a raggiungerli. L’ex ministro parla del TAP, dei gasdotti , degli elettrodotti che sono indispensabili al passaggio verso la completa decarbonizzazione nella direzione di infrastrutture e mobilità sostenibili di eccellenza.  “Il Mezzogiorno – conclude l’ex ministro – ha un ruolo fondamentale perché è un’area del Paese che può diventare il luogo dove facciamo questo passaggio d’epoca”.

sito promosso dall'Ufficio Comunicazioni Sociali dell'Arcidiocesi di Benevento per favorire il dialogo e il confronto tra componenti sociali e realtà ecclesiali presenti sul territorio, per far emergere notizie buone e vere che contribuiscano all'edificazione del Regno di Dio.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Società

  • Società

    La lezione di Elliot

    Da

    Poco tempo fa, leggendo una rivista di counselling, mi sono imbattuto in un articolo di Felice...

  • ColoriAmo la città

    Finestre sulla scuola

    Da

    Una gentile lettrice ci scrive: “Le mie finestre danno sulla scuola elementare. Ho sentito emozione; tanti...

  • ColoriAmo la città

    L’ultimo saluto a Michele

    Da

    È stata un’occasione partecipare ai funerali di un nostro fratello rumeno, adottato da una parte della...

  • Società

    ColoriAmo la città

    Da

    Vi proponiamo esperienze di fraternità, così come arrivano a me o in redazione, cercando di rispettare...

  • Società

    Reddito di fraternità

    Da

    Finalmente, qualche giorno di ferie. Ho appena finito di leggere “Saggio sul dono” di Marcel Mauss...

  • Società

    Una dimensione diversa

    Da

    Mi è venuta un’ondata di pessimismo di fronte alle realtà esterne. Non è un pessimismo che...

  • Società

    Il principio di precauzione

    Da

    Cos’è questo “principio di precauzione”? Vediamo cosa ci dice l’enciclopedia Treccani – Espressione coniata in Germania...

  • Società

    In fila per tre

    Da

    Sono al supermercato, non ricordo più perché, ho perso la mia bella lista e mi è...

  • Società

    La strategia dei piccoli passi

    Da

    Spesso vediamo, ascoltiamo e, più raramente, leggiamo interviste sul post Covid-19, sul cosa faremo, come reagiremo,...

  • Società

    La cultura del “dare”

    Da

    Nonostante l’estate, nonostante la consapevolezza di dire e dare cose trite e ritrite, nonostante il rischio...

Popolari

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Società

Tutti a casa

Testimoni

Testimoni…

Beneventana

Sorridi di più

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Tags

Rubriche

Società

La lezione di Elliot

Da 19 Ottobre 2020

Arte

Maria madre della Chiesa

Da 12 Ottobre 2020

Le arti, luogo d'incontro

La poesia viaggio di un sentire interiore

Da 30 Settembre 2020

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

Da 28 Settembre 2020

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Da 21 Settembre 2020

Arte

Avanzi di galera

Da 21 Settembre 2020

Società

ColoriAmo la città

Da 10 Settembre 2020

Società

Reddito di fraternità

Da 7 Settembre 2020

Società

Una dimensione diversa

Da 31 Agosto 2020

Società

Il principio di precauzione

Da 25 Agosto 2020

Società

In fila per tre

Da 17 Agosto 2020

Percorsi letterari

Le arti come luogo d’incontro

Da 30 Luglio 2020

Società

La cultura del “dare”

Da 20 Luglio 2020

Società

Quattro punt(i) zero

Da 15 Luglio 2020

Società

Eravamo quattro amici al bar

Da 6 Luglio 2020

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Da 1 Giugno 2020

Vita Ecclesiale

Fase 2: custodire il creato

Da 29 Maggio 2020

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Da 28 Aprile 2020

Vita Ecclesiale

“Giovane, dico a te, alzati!”

Da 6 Marzo 2020

Vita Ecclesiale

Messaggio del Papa per la Quaresima

Da 25 Febbraio 2020

Libri

Padre nostro

Da 22 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro Giovannini a Cives

Da 21 Febbraio 2020

Testimoni

Vittorio Bachelet ricordato dal figlio

Da 12 Febbraio 2020

Vita Ecclesiale

Visita di Papa Francesco ad Acerra

Da 8 Febbraio 2020

Libri

Leggere per crescere

Da 8 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro De Vincenti a Cives

Da 5 Febbraio 2020

Film

Sam Mendes è tornato

Da 5 Febbraio 2020

Società

Tutti a casa

Da 3 Febbraio 2020

Welfare

“AlimenTiamo Chianche”

Da 23 Settembre 2019

Vita Ecclesiale

Si riparte dal territorio

Da 20 Settembre 2019

Mondo Cattolico

Auguri a mons. Matteo Zuppi

Da 16 Settembre 2019

Società

Campagna contro l’eutanasia

Da 16 Settembre 2019

Società

“I colori dell’accoglienza”

Da 7 Settembre 2019

Memoria

La festa del grano tra fede e arte

Da 7 Settembre 2019

Film

Manchester by the Sea

Da 26 Agosto 2019

dal Mondo

20 anni di genocidio nel Congo

Da 26 Agosto 2019

Testimoni

Ansia di Infinito

Da 30 Luglio 2019

Film

“Trono di spade”

Da 22 Luglio 2019

Beneventana

Festa di Sant’Anna a Benevento

Da 13 Luglio 2019

Film

“Blue my mind”

Da 3 Luglio 2019

Vita Ecclesiale

“Il Welcome Sociale Food”

Da 1 Luglio 2019

Tammaro

Assemblea pastorale zona Tammaro

Da 14 Giugno 2019

Società

Sguardo rivolto ai giovani

Da 5 Giugno 2019

Testimoni

Testimoni…

Da 3 Giugno 2019

Letture

YOUCAT for Kids

Da 29 Maggio 2019

Comunicazione

“Benevento la tua città”

Da 22 Maggio 2019

Testimoni

Parole e profumi

Da 17 Maggio 2019

Memoria

“Laus Musicae” a Benevento

Da 15 Maggio 2019

Mondo Cattolico

Turismo religioso Pietrelcina – Assisi

Da 15 Maggio 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 16 Aprile 2019

Comunicazione

Ecco il giornalino dell’Anspi

Da 3 Aprile 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 1 Aprile 2019

Beneventana

Sorridi di più

Da 27 Marzo 2019

Europa

Perché l’Unione Europea

Da 18 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Speciale Messa delle Ceneri

Da 8 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Da 23 Febbraio 2019

Vita Ecclesiale

Catechesi sul “Padre nostro” del Pontefice

Da 16 Febbraio 2019

Comunicazione

Perché ancora “Tempi Nuovi”

Da 24 Gennaio 2019

Mondo Cattolico

Naufragi nel Mediterraneo

Da 23 Gennaio 2019

Comunicazione

Presto in onda la nuova Tele Speranza

Da 23 Gennaio 2019
Vai Su