Connect with us

Tempi Nuovi

Fase 2: custodire il creato

Vita Ecclesiale

Fase 2: custodire il creato

L’esercizio di questa settimana si articola su due punti. Anzitutto, con una semplice navigata in internet, dai un’occhiata ai dati sulla variazione dell’inquinamento cui accennavo sopra, nei mesi tra gennaio e aprile; osserva, e rifletti. E ricorda. Poi, come secondo punto dell’esercizio, da non far durare però solo una settimana, prova a verificare nel concreto quali aspetti “green” dello stile di vita che hai assunto durante la quarantena puoi mantenere anche ora: lavorare da casa? Muoversi a piedi anziché in auto? Meno viaggi per futili motivi? Orticelli da balcone? Non temano gli auto-proclamatisi Paladini della Trascendenza, quegli stessi che contestano il Papa perché tematizza la questione ecologica, ritenendolo per questo un pagano, e rivelando se stessi come gnostici anziché cristiani, perché fino a prova contraria il mondo pare che l’abbia creato lo stesso Dio che è Padre di Gesù Cristo: arriveremo, in queste note sull’importanza di custodire e portare avanti la memoria dei giorni della quarantena, a trattare di aspetti più specificatamente religiosi o, meglio, spirituali. Per adesso tuttavia vogliamo insistere a portare l’attenzione anzitutto sulle basi elementari della vita, e dopo avere trattato della necessità della memoria in generale, e delle relazioni, oggi, sulla scia dell’appena conclusa settimana sulla Laudato si’, non possiamo non riflettere sull’ambiente e l’ecologia. Un punto che indubbiamente ha colpito tutti in modo positivo durante la quarantena è stato infatti il miglioramento delle condizioni climatiche e ambientali. Si capisce: se l’umanità si ferma e resta chiusa in casa, l’inquinamento diminuisce e il mondo respira. Nelle settimane passate il livello di anidride carbonica nell’aria è diminuito sensibilmente: l’Agenzia Spaziale Europea ha potuto rilevare per via satellitare che, tra il 1 gennaio e l’11 marzo 2020, c’è stata una riduzione di almeno 200 milioni di tonnellate di CO2 – al di là dei dati, ci siamo accorti tutti che l’aria era più leggera, e i cieli più tersi e stellati, vero? Il fermo delle attività, e dunque anche delle attività marittime, ha portato sollievo ai mari e agli oceani, permettendo un ripopolamento di fauna marina e una diminuzione dell’inquinamento delle acque… nello stesso Tevere sembrava quasi che ci si potesse fare il bagno! Il silenzio e la quiete nelle città hanno portato gli animali a riavvicinarsi ai centri urbani: chi di noi non si è intrattenuto a vedere sui social i video delle città gremite dagli animali più improbabili, dai cervi ai fenicotteri alle scimmie? Occorre però un’interpretazione equilibrata di questi dati: se è vero che quando l’uomo sta fermo e chiuso in casa la natura respira, è anche vero che l’uomo non è un virus, come invece asseriscono alcuni fanatici vegan-animalisti che ignorano che gran parte della bellezza e dell’armonia della natura che idolatrano dipende dalla cura dell’uomo attraverso i secoli. La natura indomita, lasciata a se stessa, avendo come unico motore la spinta a sopravvivere mangiando ed espandendosi, in poco tempo si ridurrebbe a groviglio destinato ad autoconsumarsi: è la natura “matrigna” di cui scrive lucidamente Leopardi, e ha bisogno dell’opera dell’uomo benedetta dal mandato di Dio di prendersi cura del Suo giardino (cfr. Gen 2, 15) per divenire idillio accogliente e fonte di vita per le creature. L’uomo che consuma, inquina, brucia e sporca, è anche l’uomo che coltiva, disinfesta, pota, irriga, concima e tutela; per far stare bene il mondo, non serve che ci fermiamo o scompariamo, serve che orientiamo verso il bene comune i nostri slanci, soprattutto in due direzioni: la riduzione dei consumi, che, come abbiamo visto in quarantena, ci è possibile e ci fa bene, e un ripensamento del lavoro in chiave “smart”, con la diminuzione di spostamenti, inquinamento, dispendio energetico, ecc. che ne consegue.

Sono questioni ampie, che sicuramente non è in potere del singolo attuare… o forse sì, perché le collettività sono fatte di singoli, e quello che muove le decisioni dei grandi è la direzione in cui vanno i (sempre più vuoti) portafogli dei più numerosi piccoli. Occorre quindi “premiare” aziende e istituzioni che attueranno politiche ecologiche in linea con quanto abbiamo assaggiato nella quarantena, boicottando invece tutti i tentativi di un ritorno/regresso a situazioni precedenti. Occorre che i lavoratori puntino i piedi e rifiutino di tornare a farsi un’ora di traffico all’andata e un’ora al ritorno, se si può sostituire in parte o del tutto il loro lavoro in loco con lo smart working da casa – ma di questo torneremo a occuparci.

L’esercizio di questa settimana si articola su due punti. Anzitutto, con una semplice navigata in internet, dai un’occhiata ai dati sulla variazione dell’inquinamento cui accennavo sopra, nei mesi tra gennaio e aprile; osserva, e rifletti. E ricorda. Poi, come secondo punto dell’esercizio, da non far durare però solo una settimana, prova a verificare nel concreto quali aspetti “green” dello stile di vita che hai assunto durante la quarantena puoi mantenere anche ora: lavorare da casa? Muoversi a piedi anziché in auto? Meno viaggi per futili motivi? Orticelli da balcone? Ognuno dovrà capire cosa fare, ma non facciamoci sconti per pigrizia: ricordiamoci che Dio ci ha affidato la cura del suo giardino. Se ci è piaciuto respirare un’aria più pulita e vedere cieli più tersi, perché non cercare di farli rimanere tali, anche a costo di qualche sacrificio?

Alessandro Di Medio

sito promosso dall'Ufficio Comunicazioni Sociali dell'Arcidiocesi di Benevento per favorire il dialogo e il confronto tra componenti sociali e realtà ecclesiali presenti sul territorio, per far emergere notizie buone e vere che contribuiscano all'edificazione del Regno di Dio.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Vita Ecclesiale

Popolari

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Società

Tutti a casa

Testimoni

Testimoni…

Beneventana

Sorridi di più

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Tags

Rubriche

Percorsi letterari

Le arti come luogo d’incontro

Da 30 Luglio 2020

Società

La cultura del “dare”

Da 20 Luglio 2020

Società

Quattro punt(i) zero

Da 15 Luglio 2020

Società

Eravamo quattro amici al bar

Da 6 Luglio 2020

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Da 1 Giugno 2020

Vita Ecclesiale

Fase 2: custodire il creato

Da 29 Maggio 2020

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Da 28 Aprile 2020

Vita Ecclesiale

“Giovane, dico a te, alzati!”

Da 6 Marzo 2020

Vita Ecclesiale

Messaggio del Papa per la Quaresima

Da 25 Febbraio 2020

Libri

Padre nostro

Da 22 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro Giovannini a Cives

Da 21 Febbraio 2020

Testimoni

Vittorio Bachelet ricordato dal figlio

Da 12 Febbraio 2020

Vita Ecclesiale

Visita di Papa Francesco ad Acerra

Da 8 Febbraio 2020

Libri

Leggere per crescere

Da 8 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro De Vincenti a Cives

Da 5 Febbraio 2020

Film

Sam Mendes è tornato

Da 5 Febbraio 2020

Società

Tutti a casa

Da 3 Febbraio 2020

Welfare

“AlimenTiamo Chianche”

Da 23 Settembre 2019

Vita Ecclesiale

Si riparte dal territorio

Da 20 Settembre 2019

Mondo Cattolico

Auguri a mons. Matteo Zuppi

Da 16 Settembre 2019

Società

Campagna contro l’eutanasia

Da 16 Settembre 2019

Società

“I colori dell’accoglienza”

Da 7 Settembre 2019

Memoria

La festa del grano tra fede e arte

Da 7 Settembre 2019

Film

Manchester by the Sea

Da 26 Agosto 2019

dal Mondo

20 anni di genocidio nel Congo

Da 26 Agosto 2019

Testimoni

Ansia di Infinito

Da 30 Luglio 2019

Film

“Trono di spade”

Da 22 Luglio 2019

Beneventana

Festa di Sant’Anna a Benevento

Da 13 Luglio 2019

Film

“Blue my mind”

Da 3 Luglio 2019

Vita Ecclesiale

“Il Welcome Sociale Food”

Da 1 Luglio 2019

Tammaro

Assemblea pastorale zona Tammaro

Da 14 Giugno 2019

Società

Sguardo rivolto ai giovani

Da 5 Giugno 2019

Testimoni

Testimoni…

Da 3 Giugno 2019

Letture

YOUCAT for Kids

Da 29 Maggio 2019

Comunicazione

“Benevento la tua città”

Da 22 Maggio 2019

Testimoni

Parole e profumi

Da 17 Maggio 2019

Memoria

“Laus Musicae” a Benevento

Da 15 Maggio 2019

Mondo Cattolico

Turismo religioso Pietrelcina – Assisi

Da 15 Maggio 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 16 Aprile 2019

Comunicazione

Ecco il giornalino dell’Anspi

Da 3 Aprile 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 1 Aprile 2019

Beneventana

Sorridi di più

Da 27 Marzo 2019

Europa

Perché l’Unione Europea

Da 18 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Speciale Messa delle Ceneri

Da 8 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Da 23 Febbraio 2019

Vita Ecclesiale

Catechesi sul “Padre nostro” del Pontefice

Da 16 Febbraio 2019

Comunicazione

Perché ancora “Tempi Nuovi”

Da 24 Gennaio 2019

Mondo Cattolico

Naufragi nel Mediterraneo

Da 23 Gennaio 2019

Comunicazione

Presto in onda la nuova Tele Speranza

Da 23 Gennaio 2019

Società

La strategia dei piccoli passi

Da 27 Luglio 2020
Vai Su