Connect with us

Tempi Nuovi

La morte, pane quotidiano per i congolesi, si estende fino in Italia

dal Mondo

La morte, pane quotidiano per i congolesi, si estende fino in Italia

È toccato ai bravi servitori della madre patria Italia abbeverarsi allo stesso amaro calice della martoriata popolazione della Repubblica Democratica del Congo. È con immenso dolore e costernazione che la sacra accoglienza degli ospiti, insita nelle tradizioni bantù si è macchiata di sangue. L’uccisione perpetrata con un agguato dell’ambasciatore italiano in Congo-Kinshasa Luca Attanasio, del carabiniere Vittorio Iacovacci e di Mustapha Milambo, l’autista congolese del Programma Alimentare Mondiale (PAM).

Lacrime, dispiaceri e disgusto sono stati espressi contro un atto vile e infame Luca Attanasio, un giovane funzionario dalle competenze e, soprattutto, dall’umanità mai riscontrate prima d’ora per la funzione che assumeva in Congo. Ci sono molti quesiti aperti sull’omicidio dei tre uomini, il primo nasce spontaneo e si orienta verso la Monusco (Missione dell’ONU per la- cosiddetta- “pace” in Congo). Il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il Carabiniere Vittorio Iacovacci, Mustapha Milambo e gli altri quattro membri della delegazione sono partiti da Kinshasa a bordo dell’areo della MONUSCO e si recavano in una zona bellicosa per una missione che riguardava il PAM, Agenzia delle Nazioni Unite. È spontaneo chiedersi se il numeroso contingente MONUSCO non potesse supervisionare, anche con quattro elementi, un blindato, i droni supertecnologici, la missione di un diplomatico in missione per PAM, che ne è una delle agenzie, soprattutto in una zona dove l’instabile dissemina morti con un vero bollettino di guerra.

L’olocausto che subisce il popolo congolese da più di tre decenni continua a mietere vittime. Il primo a denunciare l’inferno che si preparava ad abbattersi su donne, bambini e uomini in Congo era Monsignore Christophe Munzihirwa, arcivescovo di Bukavu, assassinato il 29 ottobre 1996, da lì in poi solo numeri da capogiro nella tristissima e angosciante contabilità della morte congolese: più di 15 milioni di morti assassinati, 5,5 milioni di profughi interni, 20 mila caschi blu a fare compagnia ai congolesi, da più di 20 anni.    

Il risultato non poteva essere diverso se l’indifferenza del mondo è raccapricciante, il silenzio assordante, i media che si accattivano una facile attenzione con articolo dedicati ai bambini “sorciers o alle danze tradizionali”. Cosa aspettarsi da un contesto ricchissimo, dove vige l’impunità e il facile accesso al potere? I criminali, esteri e interni, si sono dati al massacro per integrare le istituzioni dello stato.

Dai bambini killer dell’Esercito del signore cacciato dall’Uganda e sconfinato in Congo, agli improvvisati imprenditori di milizie che le affittano per difendere le miniere, saccheggiare, offrire protezione, dalle bande armate, avide e feroci degli antichi hutu del genocidio ruandese degli Anni Novanta, sfuggite alla vendetta dei tutsi rifugiandosi nelle foreste del Kivu, alle scorribande oltre confine dei tutsi dell’Esercito ruandese. Tutti, uomini con i kalashnikov e machete, categorizzati in un gruppo di 122 fazioni che operano sul territorio. La Repubblica Democratica del Congo è soggetta alla risoluzione 1533 (del 12 marzo 2004), del Consiglio di Sicurezza che istituisce un Comitato per monitorare il divieto di trasferimento di armi alla Repubblica Democratica del Congo e il divieto di fornire assistenza da altri paesi a gruppi armati stranieri e congolesi che operano nel paese. Successivamente, il Consiglio ha anche chiesto al Comitato di monitorare il congelamento dei beni e il divieto di viaggio imposti contro alcuni individui e gruppi, così come alcune restrizioni all’aviazione. Con la risoluzione 1533 (2004) del 12 marzo 2004, il Consiglio ha anche istituito un gruppo di esperti per assistere il Comitato nell’adempimento del suo mandato. Tuttavia, Amnesty International rivela il 5 luglio 2005 (dossier Index AI: AFR 62/006/2005)[1] il flusso d’armi verso l’Est del Congo  

Un paese retto da un potere politico ventennale rivelatosi connivente e corrotto, nel quale Joseph Kabila ed i suoi alleati incentivavano una sistematica distruzione della nazione, compromettendo la sovranità nazionale, a cominciare dalla riforma scandalosa della Costituzione. La fragilità interna ha favorito gli appetiti dei paesi confinanti, delle multinazionali e ha facilitato i crimini.

Il silenzio della comunità internazionale, l’indifferenza totale dell’ONU e del consiglio di sicurezza della medesima organizzazione, la blanda e ininfluente azione del tribunale penale internazionale (CPI) hanno dato via libera a tutti di operare in maniera criminale. Oggi piangiamo giustamente Luca Attanasio, Vittorio Iacovacci e Mustapha Milambo ma ieri le voci si erano alzati per i crimini dai numeri oceanici mai risolti, voci purtroppo rimaste sommerse. Chi si ricorda del 29 marzo 2017 quando “Il Messaggero[2] intitolava “Congo, trovati due corpi: sono quelli dei funzionari Onu scomparsi 14 giorni fa”? I corpi senza vita di due esperti delle Nazioni Unite scomparsi nella Repubblica Democratica del Congo erano stati ritrovati nella regione di Kasai, nel centro del paese. L’americano Michael Sharp e la svedese Zaida Catalan erano stati sequestrati due settimane prima del ritrovamento dei loro corpi mentre indagavano su presunti abusi commessi da un gruppo di ribelli: nel fine settimana precedente 40 agenti di polizia erano stati ritrovati decapitati. Lambert Mende, fedelissimo di Kabila e portavoce del governo, confermò la notizia del ritrovamento dei corpi. «Hanno perso la vita cercando di comprendere le cause dei conflitti e dell’insicurezza in Congo», aveva commentato da New York il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres. «Le Nazioni Unite faranno tutto il possibile per garantire che venga fatta giustizia». Anche in questa situazione i testimoni avevano rivelato che un terzo corpo senza vita, quello dell’interprete, era stato ritrovato nella stessa zona, vicino a Ngombe nel Kasai, dove i due esperti Onu si erano recati accompagnati da quattro cittadini congolesi membri dello staff. L’autopsia sui corpi di Attanasio e Iacovacci ha rivelato i paesi da cui provengono le pallottole estratte?

Poi ci sono loro, gli operatori fallimentari di pace fantasma, i caschi blu dell’ONU, ventimila uomini, più di un miliardo di dollari l’anno il cui esborso non arriva nemmeno ad un dollaro speso a favore dei locali, carni da macello. Una presenza inutile, capace solamente di stilare rapporti e risoluzioni che non risolvono nulla per la popolazione di Kivu e del Congo. Uno dei documenti che darebbe finalmente speranza verso una soluzione del genocidio in Congo è il rapporto Mapping[3], stilato grazie all’indagine realizzata dagli esperti della Nazioni Unite contenente dei resoconti dettagliati dei crimini di guerra e contro l’umanità che tra il 1993 e il 2003 causarono la morte di circa sei milioni di persone e centinaia di migliaia di sfollati. A dieci anni dalla pubblicazione del rapporto Mapping le violenze perpetrate contro la popolazione non sono ancora cessate e il numero delle vittime inermi è più che raddoppiato: oltre 12 milioni di congolesi assassinati.

Oggi versiamo lacrime per Luca Attanasio, Vittorio Iacovacci, Mustapha Milambo, cosa che avremo potuto evitare semmai uno degli organi internazionali tra il Consiglio di Sicurezza ONU, la Corte Penale Internazionale, e soprattutto l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite avesse deciso di mettere nelle loro agende l’applicazione del Rapporto Mapping (tradotto qui)[4] . L’istituzione di un tribunale penale internazionale per giudicare i criminali – diretti o indiretti- dei soggetti, multinazionali e paesi implicati nelle violazioni imprescrittibili è l’imperativo per fermare questo genocidio. Altrimenti l’ambasciatore Luca Attanasio, il Carabiniere Vittorio Iacovacci e il funzionario PAM Mustapha Milambo saranno morti invano. E, nel frattempo, la lotta dei congolesi continuerà chiedendosi chi sarà il prossimo straniero a cadere sotto le armi incontrollate disseminate in Congo, perché il mondo riprenda a parlare dell’immeritato calvario delle donne, bambini e uomini congolesi. Ora nessuno può dire di non saperne nulla.

Anselme Bakudila

 

 

[1] https://www.amnesty.org/download/Documents/80000/afr620062005fr.pdf

[2] https://www.ilmessaggero.it/primopiano/esteri/congo_funzionari_scomparsi_corspi-2345986.html

[3] https://www.ohchr.org/Documents/Countries/CD/DRC_MAPPING_REPORT_FINAL_EN.pdf

[4] http://www.paceperilcongo.it/categorie/documenti/rapporto-mapping-onu/

 

sito promosso dall'Ufficio Comunicazioni Sociali dell'Arcidiocesi di Benevento per favorire il dialogo e il confronto tra componenti sociali e realtà ecclesiali presenti sul territorio, per far emergere notizie buone e vere che contribuiscano all'edificazione del Regno di Dio.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in dal Mondo

Popolari

Le arti luogo d'incontro

Arte e poesia dialogano

Società

La chiamata

Le arti luogo d'incontro

Poesia: Bellezza dello sguardo

Vita Ecclesiale

Nomine e Provvedimenti

Vita Ecclesiale

Ordinazioni

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Società

Tutti a casa

Testimoni

Testimoni…

Beneventana

Sorridi di più

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Le arti luogo d'incontro

Antonio Di Nola e L’arte della fede

Tags

Rubriche

Le arti luogo d'incontro

Arte e poesia dialogano

Da 24 Marzo 2021

ColoriAmo la città

Una semplice esperienza ai tempi della pandemia

Da 22 Marzo 2021

Vita Ecclesiale

Fare comunità parrocchiale

Da 15 Febbraio 2021

Le arti luogo d'incontro

Alla scoperta della “Via Crucis” di Pericle Fazzini

Da 2 Febbraio 2021

Società

La chiamata

Da 20 Gennaio 2021

Le arti luogo d'incontro

Poesia: Bellezza dello sguardo

Da 23 Dicembre 2020

Società

Chicchirichì…

Da 30 Novembre 2020

Carità

Distribuzione paniere alimentare

Da 27 Novembre 2020

Welfare

Esperienze di fraternità

Da 23 Novembre 2020

Le arti luogo d'incontro

Le arti, via rivelativa dell’essere e del sentire

Da 20 Novembre 2020

Vita Ecclesiale

Nomine e Provvedimenti

Da 19 Novembre 2020

Vita Ecclesiale

Ordinazioni

Da 19 Novembre 2020

ColoriAmo la città

“Si può, certo che si può, ma anche no”

Da 17 Novembre 2020

Società

Buone domande a tutti!

Da 17 Novembre 2020

Società

Smartché e Noesì

Da 30 Ottobre 2020

Società

La lezione di Elliot

Da 19 Ottobre 2020

Arte

Maria madre della Chiesa

Da 12 Ottobre 2020

Le arti luogo d'incontro

La poesia viaggio di un sentire interiore

Da 30 Settembre 2020

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

Da 28 Settembre 2020

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Da 21 Settembre 2020

Arte

Avanzi di galera

Da 21 Settembre 2020

Società

ColoriAmo la città

Da 10 Settembre 2020

Società

Reddito di fraternità

Da 7 Settembre 2020

Società

Una dimensione diversa

Da 31 Agosto 2020

Società

Il principio di precauzione

Da 25 Agosto 2020

Società

In fila per tre

Da 17 Agosto 2020

Percorsi letterari

Le arti come luogo d’incontro

Da 30 Luglio 2020

Società

La cultura del “dare”

Da 20 Luglio 2020

Società

Quattro punt(i) zero

Da 15 Luglio 2020

Società

Eravamo quattro amici al bar

Da 6 Luglio 2020

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Da 1 Giugno 2020

Vita Ecclesiale

Fase 2: custodire il creato

Da 29 Maggio 2020

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Da 28 Aprile 2020

Vita Ecclesiale

“Giovane, dico a te, alzati!”

Da 6 Marzo 2020

Vita Ecclesiale

Messaggio del Papa per la Quaresima

Da 25 Febbraio 2020

Libri

Padre nostro

Da 22 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro Giovannini a Cives

Da 21 Febbraio 2020

Testimoni

Vittorio Bachelet ricordato dal figlio

Da 12 Febbraio 2020

Vita Ecclesiale

Visita di Papa Francesco ad Acerra

Da 8 Febbraio 2020

Libri

Leggere per crescere

Da 8 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro De Vincenti a Cives

Da 5 Febbraio 2020

Film

Sam Mendes è tornato

Da 5 Febbraio 2020

Società

Tutti a casa

Da 3 Febbraio 2020

Welfare

“AlimenTiamo Chianche”

Da 23 Settembre 2019

Vita Ecclesiale

Si riparte dal territorio

Da 20 Settembre 2019

Mondo Cattolico

Auguri a mons. Matteo Zuppi

Da 16 Settembre 2019

Società

Campagna contro l’eutanasia

Da 16 Settembre 2019

Società

“I colori dell’accoglienza”

Da 7 Settembre 2019

Memoria

La festa del grano tra fede e arte

Da 7 Settembre 2019

Film

Manchester by the Sea

Da 26 Agosto 2019

dal Mondo

20 anni di genocidio nel Congo

Da 26 Agosto 2019

Testimoni

Ansia di Infinito

Da 30 Luglio 2019

Film

“Trono di spade”

Da 22 Luglio 2019

Beneventana

Festa di Sant’Anna a Benevento

Da 13 Luglio 2019

Film

“Blue my mind”

Da 3 Luglio 2019

Vita Ecclesiale

“Il Welcome Sociale Food”

Da 1 Luglio 2019

Tammaro

Assemblea pastorale zona Tammaro

Da 14 Giugno 2019

Società

Sguardo rivolto ai giovani

Da 5 Giugno 2019

Testimoni

Testimoni…

Da 3 Giugno 2019

Letture

YOUCAT for Kids

Da 29 Maggio 2019

Comunicazione

“Benevento la tua città”

Da 22 Maggio 2019

Testimoni

Parole e profumi

Da 17 Maggio 2019

Memoria

“Laus Musicae” a Benevento

Da 15 Maggio 2019

Mondo Cattolico

Turismo religioso Pietrelcina – Assisi

Da 15 Maggio 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 16 Aprile 2019

Comunicazione

Ecco il giornalino dell’Anspi

Da 3 Aprile 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 1 Aprile 2019

Beneventana

Sorridi di più

Da 27 Marzo 2019

Europa

Perché l’Unione Europea

Da 18 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Speciale Messa delle Ceneri

Da 8 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Da 23 Febbraio 2019

Vita Ecclesiale

Catechesi sul “Padre nostro” del Pontefice

Da 16 Febbraio 2019

Comunicazione

Perché ancora “Tempi Nuovi”

Da 24 Gennaio 2019

Mondo Cattolico

Naufragi nel Mediterraneo

Da 23 Gennaio 2019

Comunicazione

Presto in onda la nuova Tele Speranza

Da 23 Gennaio 2019

Le arti luogo d'incontro

Antonio Di Nola e L’arte della fede

Da 15 Ottobre 2021

Mondo Cattolico

Pompei, gli appuntamenti del mese del Rosario

Da 24 Settembre 2021
Vai Su