Connect with us

Tempi Nuovi

Le arti luogo d'incontro

Arte e fede

di Antonella Fusco

«In questo libro narro di Giotto, Francesco e Dante come tre portatori di un nuovo messaggio, raffigurati come vertici di un triangolo equilatero che ancora oggi rimane fondamentale nel progresso della specie umana. Figlio di un secolo nuovo, il pittore fiorentino agì con gli altri due in quel clima epocale che segnò la fine del Medioevo dischiudendo l’era moderna, progenitrice di quell’Umanesimo universalistico che fu il Rinascimento italiano». Così, Alessandro Masi, storico dell’arte, giornalista e segretario generale della Società Dante Alighieri, delinea il libro “L’artista dell’anima. Giotto e il suo mondo” Neri Pozza Editore. L’autore ci conduce, con intensità descrittiva e sensibilità culturale, nella vita di Giotto. Un viaggio coinvolgente con il “ragazzo” che rivoluzionò la pittura tra il Duecento e il Trecento, quando si preparava la Rinascenza. Sembra si entri con Giotto nella Basilica Superiore di Assisi, nella cappella degli Scrovegni a Padova, nelle basiliche di Roma, Napoli, Firenze… Giotto: l’artista dell’anima. Nei suoi quadri, nei suoi affreschi si legge l’avvertimento di un io che tende all’oltre. L’arte come via rivelativa del sentire e dell’essere. Masi, attraverso un meticoloso lavoro di scavo negli archivi e dalle cronache dell’epoca, ha realizzato una ricca e documentata biografia di Giotto, in cui si legge la straordinarietà dell’uomo e dell’artista. Ed è in tale prospettiva che lo scrittore illustra il rapporto che emerge tra arte e fede. Lo fa attraverso l’umanità dei personaggi e del personaggio Giotto. Umanità viva, pulsante, con le sue fragilità, ma anche con la sua unicità. Nei dialoghi con il maestro Cimabue, Giotto, evidenziava chiarire un forte desiderio: se l’arte era un atto di fede o era solo arte. «Vedi Giotto» la risposta del maestro, durante uno dei tanti confronti, «io credo che quello che tu chiedi sia l’una e l’altra cosa insieme». Giotto viveva l’esperienza dell’arte con trasporto. Aveva un’attenzione particolare verso il Cantico del poverello d’Ascesi sulla semplicità della vita: «Credo che la mia pittura dovrà mettersi al servizio della sua parola». Un sentire come cammino verso l’interiorità. Un’interiorità dinamica, aperta: umanità slanciata verso l’alto. «Io vorrei dipingere uomini veri, perché la verità dei corpi è verità divina» affermava Giotto. Ebbe una vita ricca di relazioni, incontrò artisti, maestri, intellettuali della sua epoca, come Dante. Questi aprì nuovi orizzonti in un’anima sensibile come quella del pittore fiorentino. Spiega Masi: «Ai suoi occhi il poeta appariva come una sorta di eroe leggendario, un idealista, un uomo coraggioso e battagliero che per amore della sua patria e dell’Italia aveva sacrificato affetti e agi. In un certo senso lo sentiva vicino perché anche lui, a suo modo, aveva combattuto per un ideale nobile sacrificando tutta la sua vita al rinnovamento dell’arte italiana». Ma è la figura di Francesco che lo aveva da sempre affascinato. «Lo avvinceva» afferma l’autore e continua: «la lingua semplice e povera di Francesco sarebbe stata alla base della sua rivoluzione artistica, perché incarnava il verbo dell’uomo nuovo, quello che lui stesso vedeva nelle strade avvolto nei cenci dei miserabili, nelle piaghe dei sofferenti, nel volto degli umili, nell’arroganza dei superbi, nell’ottusità dei malvagi, nella spavalderia dei ricchi, nella semplicità e nella dolcezza dei più caritatevoli e negli occhi dei puri di spirito». Nell’umanità artistica di Giotto uno sguardo che andava oltre. Sguardo che si apriva alle ragioni profonde della vita. Anche quando gravemente malato chiese alla figlia: «Caterina, prima che ve ne andiate via tutti, rileggimi quella supplica di Francesco d’Ascesi. In questo giorno di letizia vorrei riascoltare per ultime le rime sante che furon a me care sopra ogni cosa e alle quali sono molto affezionato. Esse m’hanno accompagnato per tutta la vita e oggi, che sento più vicino l’arrivo di sora nostra morte corporale, vorrei che queste parole mi fossero di conforto. Fatelo in memoria di vostro padre anche quando non ci sarò più». Il viaggio della vita di Giotto continuava, si apriva ad un nuovo viaggio, quello del per sempre: l’esempio di uomo, di padre e di artista. «L’arte per lui era stata una sorta di vocazione», scrive Masi, «una spinta interiore e spirituale che gli faceva vedere il mondo solo in forma di sogno e di colore». Sogno e colore: l’incanto della vita che si dischiude alla luce.

sito promosso dall'Ufficio Comunicazioni Sociali dell'Arcidiocesi di Benevento per favorire il dialogo e il confronto tra componenti sociali e realtà ecclesiali presenti sul territorio, per far emergere notizie buone e vere che contribuiscano all'edificazione del Regno di Dio.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un Commento

Altro in Le arti luogo d'incontro

Popolari

Trionfo del tempo e del disinganno - Massimo Rao

Le arti luogo d'incontro

Arte e Bellezza

Le arti luogo d'incontro

Arte e poesia dialogano

Società

La chiamata

Le arti luogo d'incontro

Poesia: Bellezza dello sguardo

Vita Ecclesiale

Nomine e Provvedimenti

Vita Ecclesiale

Ordinazioni

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Società

Tutti a casa

Testimoni

Testimoni…

Beneventana

Sorridi di più

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Tags

Rubriche

Mondo Cattolico

Lettera di Papa Francesco al popolo ucraino

Da 1 Dicembre 2022
Trionfo del tempo e del disinganno - Massimo Rao

Le arti luogo d'incontro

Arte e Bellezza

Da 24 Novembre 2022

Mondo Cattolico

PNRR in Campania: un tuffo nel passato

Da 7 Ottobre 2022

Le arti luogo d'incontro

Arte e poesia dialogano

Da 24 Marzo 2021

ColoriAmo la città

Una semplice esperienza ai tempi della pandemia

Da 22 Marzo 2021

Vita Ecclesiale

Fare comunità parrocchiale

Da 15 Febbraio 2021

Le arti luogo d'incontro

Alla scoperta della “Via Crucis” di Pericle Fazzini

Da 2 Febbraio 2021

Società

La chiamata

Da 20 Gennaio 2021

Le arti luogo d'incontro

Poesia: Bellezza dello sguardo

Da 23 Dicembre 2020

Società

Chicchirichì…

Da 30 Novembre 2020

Carità

Distribuzione paniere alimentare

Da 27 Novembre 2020

Welfare

Esperienze di fraternità

Da 23 Novembre 2020

Le arti luogo d'incontro

Le arti, via rivelativa dell’essere e del sentire

Da 20 Novembre 2020

Vita Ecclesiale

Nomine e Provvedimenti

Da 19 Novembre 2020

Vita Ecclesiale

Ordinazioni

Da 19 Novembre 2020

ColoriAmo la città

“Si può, certo che si può, ma anche no”

Da 17 Novembre 2020

Società

Buone domande a tutti!

Da 17 Novembre 2020

Società

Smartché e Noesì

Da 30 Ottobre 2020

Società

La lezione di Elliot

Da 19 Ottobre 2020

Arte

Maria madre della Chiesa

Da 12 Ottobre 2020

Le arti luogo d'incontro

La poesia viaggio di un sentire interiore

Da 30 Settembre 2020

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

Da 28 Settembre 2020

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Da 21 Settembre 2020

Arte

Avanzi di galera

Da 21 Settembre 2020

Società

ColoriAmo la città

Da 10 Settembre 2020

Società

Reddito di fraternità

Da 7 Settembre 2020

Società

Una dimensione diversa

Da 31 Agosto 2020

Società

Il principio di precauzione

Da 25 Agosto 2020

Società

In fila per tre

Da 17 Agosto 2020

Percorsi letterari

Le arti come luogo d’incontro

Da 30 Luglio 2020

Società

La cultura del “dare”

Da 20 Luglio 2020

Società

Quattro punt(i) zero

Da 15 Luglio 2020

Società

Eravamo quattro amici al bar

Da 6 Luglio 2020

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Da 1 Giugno 2020

Vita Ecclesiale

Fase 2: custodire il creato

Da 29 Maggio 2020

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Da 28 Aprile 2020

Vita Ecclesiale

“Giovane, dico a te, alzati!”

Da 6 Marzo 2020

Vita Ecclesiale

Messaggio del Papa per la Quaresima

Da 25 Febbraio 2020

Libri

Padre nostro

Da 22 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro Giovannini a Cives

Da 21 Febbraio 2020

Testimoni

Vittorio Bachelet ricordato dal figlio

Da 12 Febbraio 2020

Vita Ecclesiale

Visita di Papa Francesco ad Acerra

Da 8 Febbraio 2020

Libri

Leggere per crescere

Da 8 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro De Vincenti a Cives

Da 5 Febbraio 2020

Film

Sam Mendes è tornato

Da 5 Febbraio 2020

Società

Tutti a casa

Da 3 Febbraio 2020

Welfare

“AlimenTiamo Chianche”

Da 23 Settembre 2019

Vita Ecclesiale

Si riparte dal territorio

Da 20 Settembre 2019

Mondo Cattolico

Auguri a mons. Matteo Zuppi

Da 16 Settembre 2019

Società

Campagna contro l’eutanasia

Da 16 Settembre 2019

Società

“I colori dell’accoglienza”

Da 7 Settembre 2019

Memoria

La festa del grano tra fede e arte

Da 7 Settembre 2019

Film

Manchester by the Sea

Da 26 Agosto 2019

dal Mondo

20 anni di genocidio nel Congo

Da 26 Agosto 2019

Testimoni

Ansia di Infinito

Da 30 Luglio 2019

Film

“Trono di spade”

Da 22 Luglio 2019

Beneventana

Festa di Sant’Anna a Benevento

Da 13 Luglio 2019

Film

“Blue my mind”

Da 3 Luglio 2019

Vita Ecclesiale

“Il Welcome Sociale Food”

Da 1 Luglio 2019

Tammaro

Assemblea pastorale zona Tammaro

Da 14 Giugno 2019

Società

Sguardo rivolto ai giovani

Da 5 Giugno 2019

Testimoni

Testimoni…

Da 3 Giugno 2019

Letture

YOUCAT for Kids

Da 29 Maggio 2019

Comunicazione

“Benevento la tua città”

Da 22 Maggio 2019

Testimoni

Parole e profumi

Da 17 Maggio 2019

Memoria

“Laus Musicae” a Benevento

Da 15 Maggio 2019

Mondo Cattolico

Turismo religioso Pietrelcina – Assisi

Da 15 Maggio 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 16 Aprile 2019

Comunicazione

Ecco il giornalino dell’Anspi

Da 3 Aprile 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 1 Aprile 2019

Beneventana

Sorridi di più

Da 27 Marzo 2019

Europa

Perché l’Unione Europea

Da 18 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Speciale Messa delle Ceneri

Da 8 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Da 23 Febbraio 2019

Vita Ecclesiale

Catechesi sul “Padre nostro” del Pontefice

Da 16 Febbraio 2019

Comunicazione

Perché ancora “Tempi Nuovi”

Da 24 Gennaio 2019

Mondo Cattolico

Naufragi nel Mediterraneo

Da 23 Gennaio 2019

Comunicazione

Presto in onda la nuova Tele Speranza

Da 23 Gennaio 2019

Le arti luogo d'incontro

Educhiamo i giovani alla bellezza della vita

Da 5 Aprile 2024

Le arti luogo d'incontro

La scrittura poetica ricerca di Grazia e Bellezza

Da 5 Gennaio 2024

Mondo Cattolico

L’oblio oncologico è una realtà

Da 3 Gennaio 2024
Vai Su