Connect with us

Tempi Nuovi

Busto argenteo di San Bartolomeo

Arte

Busto argenteo di San Bartolomeo


Perseverare nelle fede, sentirla talmente in profondità da sacrificare la propria vita per seguire il difficile esempio del Cristo!

Gli apostoli rappresentano per la Chiesa degli eminenti martiri, uomini che hanno conosciuto il Figlio di Dio e, insieme, suggellato la loro fede con la morte, guadagnando la vita eterna.

Bartolomeo, santo patrono della nostra Benevento, è uno di loro.

Bartolomeo, Bar-Talamai, ovvero figlio di Talamai, fu apostolo a Cana di Galilea; dopo la Pentecoste predicò gli insegnamenti del Cristo e morì martire in Armenia. I racconti agiografici non sono tutti concordi sulla tipologia di martirio a cui il santo fu sottoposto: alcuni autori parlano di crocifissione, altri di scorticamento e decapitazione, altri ancora raccontano della sola decollazione. Intorno al 507 i resti mortali di Bartolomeo furono portati in Mesopotamia: la storia dai vaghi contorni narra che le spoglie del santo, chiuse in un sarcofago, siano state gettate in mare dai persiani e che, invece di affondare, abbiano miracolosamente raggiunto le coste dell’Isola di Lipari. Qui sarebbero state raccolte dal vescovo Agatone che, avvertito in sogno del prodigioso evento, avrebbe recuperato il sarcofago presso la baia di Portinente e dato degna sepoltura al corpo mortale di Bartolomeo erigendo una chiesa.

Nel “Chronicon Salernitani”, testo risalente al 978, si racconta di come Sicardo, principe longobardo, andava alla ricerca di reliquie di santi con l’intento di rafforzare il suo potere, calcando le orme del padre Sicone che, a suo tempo, aveva sottratto ai napoletani il corpo di san Gennaro. Con la tendenziosa scusa di volerlo preservare dalle violente incursioni dei Saraceni, Sicardo sottrae all’isola di Lipari il corpo di san Bartolomeo: ne predispone il trasferimento a Benevento attraverso un viaggio in mare con navi partite da Salerno. Benevento “ricevette alacremente il celeste patrono”, accolto in un tempio del tutto nuovo.

La storia delle reliquie di san Bartolomeo è controversa: secondo Leone Ostiense il corpo dell’apostolo venne richiesto da Ottone III; non potendo, i beneventani, rifiutare la richiesta, in accordo con l’arcivescovo cittadino, consegnarono all’imperatore le spoglie di Paolino da Nola. Scoperto l’inganno Ottone assediò Benevento senza però trarne grande giovamento. A questo punto della storia il destino delle reliquie di Bartolomeo diventa nebuloso.

Alla fine del ‘600 l’arcivescovo Orsini, futuro papa Benedetto XIII, ordinò una ricognizione delle spoglie dell’apostolo, rimaste indenni dopo il terribile sisma del 1688, nonostante il crollo della basilica a lui dedicata. Fermamente convinto della autenticità di quelle ossa, Orsini volle posizionarle definitivamente in una nuova basilica, appositamente costruita. Durante il XVII secolo la nuova basilica fu oggetto di grande interesse: abbellimenti e nuove costruzioni la resero uno scrigno prezioso, meritevole di accogliere l’apostolo martire. Di tanto fasto seicentesco oggi resta solo un prezioso busto reliquiario in argento. Frutto un preciso programma dell’arcivescovo orsini, il busto nasce dalla fusione “di certi argenti inutili” che danno vita ad una pregiatissima statua raffigurante l’apostolo. Austero e severo, ritratto in posizione frontale, l’apostolo di Cristo è rappresentato in un mezzo busto: nella mano sinistra, come da tradizionale iconografia, regge delicatamente un coltello in lega di rame dorato, simbolo inequivocabile del suo martirio, e nella destra un libro, su cui è posta la data del 1688. Le spalle sono coperte da un prezioso manto, inciso da una lavorazione floreale e al centro del petto trova posto una teca ovale, dal bordo interno argenteo e quello esterno decorato con volute in rame dorato, contenente la preziosa reliquia, mentre attorno campeggia la scritta “SANCTUS BARTHOLOMEUS APOSTOLUS BENEVENTANUS”. Il reliquiario unisce elementi fusi, come le mani e il capo, a parti a sbalzo che ritroviamo nel manto. L’autore dell’opera resta sconosciuto, in genere indicato con un anonimo argentiere napoletano, straordinariamente abile a lavorare con tecniche tipiche del Seicento barocco, come appunto la fusione e lo sbalzo. L’abilità tecnica dell’ignoto autore si unisce ad una evidente staticità della figura: sembra esserci un tentativo di ricercare movimento e naturalezza che, però, restano costretti nella resa di un panneggio pressoché immobile.

Il valore dell’opera è tutto nella sua semplicità, perfettamente connessa alla politica artistica di Orsini che, anche in questo caso, ricerca la virtù didascalica piuttosto che quella estetica.

Fabiana Peluso

sito promosso dall'Ufficio Comunicazioni Sociali dell'Arcidiocesi di Benevento per favorire il dialogo e il confronto tra componenti sociali e realtà ecclesiali presenti sul territorio, per far emergere notizie buone e vere che contribuiscano all'edificazione del Regno di Dio.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Arte

  • Arte

    Avanzi di galera

    Da

    Renata dice che qui è la sua vera vita; non lo credeva possibile, ma qui lavora...

Popolari

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Società

Tutti a casa

Testimoni

Testimoni…

Beneventana

Sorridi di più

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Tags

Rubriche

ColoriAmo la città

Finestre sulla scuola

Da 28 Settembre 2020

ColoriAmo la città

L’ultimo saluto a Michele

Da 21 Settembre 2020

Arte

Avanzi di galera

Da 21 Settembre 2020

Società

ColoriAmo la città

Da 10 Settembre 2020

Società

Reddito di fraternità

Da 7 Settembre 2020

Società

Una dimensione diversa

Da 31 Agosto 2020

Società

Il principio di precauzione

Da 25 Agosto 2020

Società

In fila per tre

Da 17 Agosto 2020

Percorsi letterari

Le arti come luogo d’incontro

Da 30 Luglio 2020

Società

La cultura del “dare”

Da 20 Luglio 2020

Società

Quattro punt(i) zero

Da 15 Luglio 2020

Società

Eravamo quattro amici al bar

Da 6 Luglio 2020

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Da 1 Giugno 2020

Vita Ecclesiale

Fase 2: custodire il creato

Da 29 Maggio 2020

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Da 28 Aprile 2020

Vita Ecclesiale

“Giovane, dico a te, alzati!”

Da 6 Marzo 2020

Vita Ecclesiale

Messaggio del Papa per la Quaresima

Da 25 Febbraio 2020

Libri

Padre nostro

Da 22 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro Giovannini a Cives

Da 21 Febbraio 2020

Testimoni

Vittorio Bachelet ricordato dal figlio

Da 12 Febbraio 2020

Vita Ecclesiale

Visita di Papa Francesco ad Acerra

Da 8 Febbraio 2020

Libri

Leggere per crescere

Da 8 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro De Vincenti a Cives

Da 5 Febbraio 2020

Film

Sam Mendes è tornato

Da 5 Febbraio 2020

Società

Tutti a casa

Da 3 Febbraio 2020

Welfare

“AlimenTiamo Chianche”

Da 23 Settembre 2019

Vita Ecclesiale

Si riparte dal territorio

Da 20 Settembre 2019

Mondo Cattolico

Auguri a mons. Matteo Zuppi

Da 16 Settembre 2019

Società

Campagna contro l’eutanasia

Da 16 Settembre 2019

Società

“I colori dell’accoglienza”

Da 7 Settembre 2019

Memoria

La festa del grano tra fede e arte

Da 7 Settembre 2019

Film

Manchester by the Sea

Da 26 Agosto 2019

dal Mondo

20 anni di genocidio nel Congo

Da 26 Agosto 2019

Testimoni

Ansia di Infinito

Da 30 Luglio 2019

Film

“Trono di spade”

Da 22 Luglio 2019

Beneventana

Festa di Sant’Anna a Benevento

Da 13 Luglio 2019

Film

“Blue my mind”

Da 3 Luglio 2019

Vita Ecclesiale

“Il Welcome Sociale Food”

Da 1 Luglio 2019

Tammaro

Assemblea pastorale zona Tammaro

Da 14 Giugno 2019

Società

Sguardo rivolto ai giovani

Da 5 Giugno 2019

Testimoni

Testimoni…

Da 3 Giugno 2019

Letture

YOUCAT for Kids

Da 29 Maggio 2019

Comunicazione

“Benevento la tua città”

Da 22 Maggio 2019

Testimoni

Parole e profumi

Da 17 Maggio 2019

Memoria

“Laus Musicae” a Benevento

Da 15 Maggio 2019

Mondo Cattolico

Turismo religioso Pietrelcina – Assisi

Da 15 Maggio 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 16 Aprile 2019

Comunicazione

Ecco il giornalino dell’Anspi

Da 3 Aprile 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 1 Aprile 2019

Beneventana

Sorridi di più

Da 27 Marzo 2019

Europa

Perché l’Unione Europea

Da 18 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Speciale Messa delle Ceneri

Da 8 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Da 23 Febbraio 2019

Vita Ecclesiale

Catechesi sul “Padre nostro” del Pontefice

Da 16 Febbraio 2019

Comunicazione

Perché ancora “Tempi Nuovi”

Da 24 Gennaio 2019

Mondo Cattolico

Naufragi nel Mediterraneo

Da 23 Gennaio 2019

Comunicazione

Presto in onda la nuova Tele Speranza

Da 23 Gennaio 2019
Vai Su