Connect with us

Tempi Nuovi

La cappella di San Gennaro

Memoria

La cappella di San Gennaro

Nel 1688 Benevento fu profondamente ferita da un disastroso sisma: l’intera città venne duramente colpita e quasi completamente rasa al suolo. A sollevarne le sorti fu il cardinale Vincenzo Maria Orsini, uomo illuminato, moderno e di ferrea volontà. Quando Benevento crollò sotto l’impatto del sisma l’Orsini chiamò attorno a sé architetti di grande levatura, come Filippo Raguzzini e Carlo Buratti, che potessero riportare la città al suo originario splendore. Nell’arco di venti anni furono restaurati numerosi edifici, sorsero nuove chiese e Benevento cominciò a riacquistare la sua antica dignità.

Quasi completamente distrutto dal sisma fu il “Tempio dell’Annunziata”: il cardinale Orsini pose la prima pietra della sua ricostruzione il 6 aprile del 1691 e consacrò l’edificio il 6 aprile del 1711.

L’aspetto esterno è austero e imponente, classico nella sua semplicità e, in alcun modo, ci prepara a quello che possiamo ammirare una volta varcata la soglia: un tripudio roccocò di marmi policromi, cornici stuccate e ricche decorazioni, tutto studiato in un gioco di equilibri intrattenuto con gli elementi cinquecenteschi ancora presenti. Degna del migliore linguaggio settecentesco la chiesa è un’ampia scenografia di paste marmoree, putti e cornici; i colori brillanti degli intarsi fanno da contraltare alle tinte più taglienti delle pitture cinquecentesche.

Lo spettacolo che, in maniera più prorompente, va in scena è nell’ultima cappella a destra, dedicata al protovescovo beneventano Gennaro. Ricca ma pur sempre elegante, la cappella vede l’impegno delle maestranze costruttive napoletane a partire dalla metà del XVIII secolo che danno vita ad un vero e proprio scrigno, chiuso da una balaustra costituita da un unico corpo che si incurva ai lati, frutto dell’unione di marmi policromi e a commesso. L’autore dell’importante cappella resta incerto: la teoria più probabile vede in Filippo Raguzzini la maestranza principale ed il probabile progettista. Architetto di indiscusso talento, il Raguzzini lavora molti anni a Benevento sotto la protezione di Orsini. Ma, indipendentemente dal nome del suo autore, siamo di fronte ad un trionfo di magnificenza barocca.

La cappella occupa uno spazio piuttosto ristretto, problema superato applicando la prospettiva borrominiana che, con una serie di espedienti architettonici crea l’illusione ottica di uno spazio più ampio. Il “tempietto” dedicato a san Gennaro vede l’imponente preziosa decorazione pervadere tanto il suo interno quanto l’esterno: all’interno della cappella trova posto l’altare, affiancato da due colonne binate posizionate a sorreggere un timpano spezzato su cui sono adagiati due puttini in candido marmo bianco. La parte antistante è, di fatto, un imponente arco trionfale: anche qui due colonne binate per lato sorreggono dei putti, mentre nella parte alta campeggia l’effige di papa Orsini, Benedetto XIII, incoronato con le insegne papali da due putti.

Si ritiene che l’apporto decorativo della metà del Settecento alla cappella di San Gennaro abbia arricchito una struttura già esistente, simile alle altre cappelle presenti nella chiesa e che sia la parte interna quanto quella esterna siano state modificate contemporaneamente.

Gli elementi scultorei della cappella sono attribuiti ad altri artisti che lavorano a Benevento: i puttini sono opera di Matteo Bottiglieri, scultore molto attivo a Napoli, di cui però si conoscono pochissime notizie. Di più difficile identificazione è l’autore del busto di Orsini: la scultura rientra nella nuova iconografia papale, inaugurata dal Bernini, che abbandona la valenza politica delle effigi pontificie per svelare tutta la parte umana e devota dell’uomo. Il ritratto di Benedetto XIII che decora la cappella dell’Annunziata è un ritratto dal vero, reale, fortemente naturalistico; il volto è espressivo, girato verso l’altare principale e umilmente raffigurato a capo scoperto; il materiale scelto è un marmo pregiato, bianchissimo, privo di venature, completamente diverso da quello utilizzato per i putti. Tutti questi elementi fanno avanzare l’ipotesi che il suo autore sia lo scultore Pietro Bracci, che ha già realizzato ritratti dello stesso papa. Nella cappella beneventana l’Orsini è già in gloria, protetto da un coro di angeli, in una posizione privilegiata anche rispetto allo stesso San Gennaro, ed il suo volto da fedele si volge a Maria annunciata esposta nell’abside.

Sull’altare della cappella campeggia un olio su tela del XVIII secolo, di autore ignoto, raffigurante San Gennaro: il Santo è rappresentato in piedi, frontalmente, con mitra e pastorale, in basso a sinistra la tela è riempita da un putto, mentre sempre in basso si legge “Beneventum plebs mea est”. Il dipinto è considerato di grande interesse storico artistico, riconducibile ad una replica di Luca Giordano. Nelle due pareti laterali, ad occupare uno spazio ovale, altre due tele del XVIII secolo; a destra La decapitazione di San Gennaro: al centro della composizione il Santo inginocchiato, alle spalle il boia nell’atto di decapitarlo; attorno alla scena si muove una folla concitata, mentre dall’altro due puttini trattengono nelle mani i simboli del martirio. A sinistra San Gennaro alla fornace: la scena riprende il terzo martirio del Santo beneventano. Nella tela San Gennaro è raffigurato a sinistra mentre viene fuori dalle fiamme ardenti della fornace illeso e vivo; attorno a lui un gruppo di centurioni e gente comune attoniti e sbigottiti dal miracolo appena compiuto.

Fabiana Peluso

sito promosso dall'Ufficio Comunicazioni Sociali dell'Arcidiocesi di Benevento per favorire il dialogo e il confronto tra componenti sociali e realtà ecclesiali presenti sul territorio, per far emergere notizie buone e vere che contribuiscano all'edificazione del Regno di Dio.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altro in Memoria

Popolari

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Società

Tutti a casa

Testimoni

Testimoni…

Beneventana

Sorridi di più

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Società

Agire, osare

Tags

Rubriche

Percorsi letterari

Gli scrittori e la peste

Da 1 Giugno 2020

Vita Ecclesiale

Fase 2: custodire il creato

Da 29 Maggio 2020

Vita Ecclesiale

La forza della vita.

Da 28 Aprile 2020

Vita Ecclesiale

“Giovane, dico a te, alzati!”

Da 6 Marzo 2020

Vita Ecclesiale

Messaggio del Papa per la Quaresima

Da 25 Febbraio 2020

Libri

Padre nostro

Da 22 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro Giovannini a Cives

Da 21 Febbraio 2020

Testimoni

Vittorio Bachelet ricordato dal figlio

Da 12 Febbraio 2020

Vita Ecclesiale

Visita di Papa Francesco ad Acerra

Da 8 Febbraio 2020

Libri

Leggere per crescere

Da 8 Febbraio 2020

Società

L’ex Ministro De Vincenti a Cives

Da 5 Febbraio 2020

Film

Sam Mendes è tornato

Da 5 Febbraio 2020

Società

Tutti a casa

Da 3 Febbraio 2020

Welfare

“AlimenTiamo Chianche”

Da 23 Settembre 2019

Vita Ecclesiale

Si riparte dal territorio

Da 20 Settembre 2019

Mondo Cattolico

Auguri a mons. Matteo Zuppi

Da 16 Settembre 2019

Società

Campagna contro l’eutanasia

Da 16 Settembre 2019

Società

“I colori dell’accoglienza”

Da 7 Settembre 2019

Memoria

La festa del grano tra fede e arte

Da 7 Settembre 2019

Film

Manchester by the Sea

Da 26 Agosto 2019

dal Mondo

20 anni di genocidio nel Congo

Da 26 Agosto 2019

Testimoni

Ansia di Infinito

Da 30 Luglio 2019

Film

“Trono di spade”

Da 22 Luglio 2019

Beneventana

Festa di Sant’Anna a Benevento

Da 13 Luglio 2019

Film

“Blue my mind”

Da 3 Luglio 2019

Vita Ecclesiale

“Il Welcome Sociale Food”

Da 1 Luglio 2019

Tammaro

Assemblea pastorale zona Tammaro

Da 14 Giugno 2019

Società

Sguardo rivolto ai giovani

Da 5 Giugno 2019

Testimoni

Testimoni…

Da 3 Giugno 2019

Letture

YOUCAT for Kids

Da 29 Maggio 2019

Comunicazione

“Benevento la tua città”

Da 22 Maggio 2019

Testimoni

Parole e profumi

Da 17 Maggio 2019

Memoria

“Laus Musicae” a Benevento

Da 15 Maggio 2019

Mondo Cattolico

Turismo religioso Pietrelcina – Assisi

Da 15 Maggio 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 16 Aprile 2019

Comunicazione

Ecco il giornalino dell’Anspi

Da 3 Aprile 2019

Europa

L’Europa di ieri e di oggi

Da 1 Aprile 2019

Beneventana

Sorridi di più

Da 27 Marzo 2019

Europa

Perché l’Unione Europea

Da 18 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Speciale Messa delle Ceneri

Da 8 Marzo 2019

Vita Ecclesiale

Al via TuttixTutti

Da 23 Febbraio 2019

Vita Ecclesiale

Catechesi sul “Padre nostro” del Pontefice

Da 16 Febbraio 2019

Comunicazione

Perché ancora “Tempi Nuovi”

Da 24 Gennaio 2019

Mondo Cattolico

Naufragi nel Mediterraneo

Da 23 Gennaio 2019

Comunicazione

Presto in onda la nuova Tele Speranza

Da 23 Gennaio 2019

Società

Agire, osare

Da 29 Giugno 2020

Letture

Chiusure e aperture all’altro

Da 23 Giugno 2020
Vai Su